Home
 
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
mercoledì 19 febbraio 2020  
  ...in Toscana Altopascio - Porcari -Capannori - Montecarlo Attualità Attualità & Humor Bon Appetit Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa  
  Lucca come la vorrei Mediavalle Necrologi Politica Racconti Lucchesi Satira Società Spettacolo Sport Stravaganze VERSILIA Vita nei Comuni  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
ARCADIA E APOCALISSE

Paesaggi italiani in 150 anni di arte, fotografia, video e installazioni
Ideazione e cura di Daniela Fonti e Filippo Bacci di Capaci

PALP Palazzo Pretorio Pontedera - 8 dicembre 2019 – 26 aprile 2020

Dall’8 dicembre 2019 il PALP Palazzo Pretorio di Pontedera ospita la mostra Arcadia e Apocalisse. Paesaggi italiani in 150 anni di arte, fotografia, video e installazioni, ideata e curata da Daniela Fonti e Filippo Bacci di Capaci e promossa dalla Fondazione per la Cultura Pontedera, dal Comune di Pontedera, dalla Fondazione Pisa, con il patrocinio e il contributo della Regione Toscana. La mostra, che proseguirà sino al 26 aprile 2020, ha l’obiettivo di indagare il modo in cui il paesaggio è stato percepito e rappresentato artisticamente dal 1850 fino ai giorni nostri, mettendo in luce quelli che sono stati i cambiamenti in materia di estetica e di codici rappresentativi e cercando al contempo di sensibilizzare la coscienza dei visitatori sul tema del degrado ambientale.

Attraverso un lungo racconto che si avvale di opere pittoriche, scultoree, arti decorative, fotografia e nuovi media – dalla metà dell’Ottocento ad oggi – l’esposizione ruota intorno al pensiero creativo sul paesaggio, un genere pittorico ereditato dal Settecento come rispecchiamento della natura nell’arte, in antitesi alla pittura mitologica e di storia, che si libera dai suoi stereotipi senza però scomparire, per la capacità che il paesaggio stesso ha di rinnovare profondamente i propri significati e codici rappresentativi, di riflettere le radicali trasformazioni della cultura artistica italiana e della società nel suo complesso.
La mostra si articola in vari capitoli, dalla diversa estensione, che servendosi della pittura, della fotografia, più avanti del video, del film e delle installazioni, conducono lo spettatore ad immergersi nei sentimenti e nelle riflessioni che – di decennio in decennio – il paesaggio ha ispirato negli autori e nei fotografi e ad apprezzare e comprendere opere che vogliono essere, oltreché immagini coinvolgenti, anche documenti in cui si travasa l’intera cultura di un’epoca. La pittura di paesaggio è infatti il frutto di un processo molto complesso di interpretazione e ‘ricostruzione’ della natura, che coinvolge il momento storico di riferimento con il suo sistema di relazioni, la cultura artistica cui l’autore appartiene e la storia individuale. Sentimenti e riflessioni che nel corso della lunga trasformazione del Bel Paese, trapassano dalla scoperta, in epoca ottocentesca, di un “paesaggio italiano” ereditato dal “Grand Tour” offerto alla modernità come cornice d’inalterata bellezza, alla testimonianza delle azioni talvolta violente che la storia ha inflitto al territorio italiano (dalle demolizioni alle devastazioni delle guerre), agli sconvolgimenti legati all’epoca della ricostruzione postbellica, al definitivo tramonto del mito post-romantico e alla  sua sostituzione con azioni di trasformazione così invasive e devastanti da far presagire una imminente Apocalisse.


Il percorso della mostra

Un autentico sentimento della natura. Nella pittura italiana del secondo Ottocento si afferma un sentimento della natura ereditato dal Romanticismo che porta a una interpretazione che si fonda su un più autentico rapporto con il vero. In area ticinese e toscana il processo di depurazione dai cliscé accademici passa attraverso l’idea del paesaggio come teatro della contemporanea storia risorgimentale (da cui muovono molti pittori macchiaioli come Giovanni Fattori e Odoardo Borrani, Cristiano Banti), come libera ricreazione luminosa del paesaggio toscano ereditato dai padri, e più tardi come ambientazione della vita all’aperto della emergente società borghese rappresentata della pittura da maestri come Michele Tedesco e Giovanni Boldini e della fotografia come Giacomo Caneva e Robert Macpherson. In area laziale, il paesaggio della Campagna romana, fra i riferimenti del Grand Tour, ancora documentato nei grandi album dei fotografi, si afferma nella sua classica magnificenza e desolazione come testimonianza, l’unica intatta, dell’antica grandezza in contrasto con la modestia del presente. Verso la fine del secolo, e a cavallo del nuovo, è prevalentemente sul paesaggio che si riversano le predilezioni dei pittori divisionisti innamorati della scomposizione della luce (Angelo Morbelli, Plinio Nomellini, Vittore Grubicy de Dragon), che rivaleggiano con i fotografi (Gustavo Bonaventura, Stefano Bricarelli, Filippo Rocci) nella ricerca di sfolgoranti effetti luminosi, nella apparente emulazione dei fenomeni naturali, ma con esiti di sofisticata astrazione.

La stagione del futurismo. Respinto ai margini del rutilante mondo iconografico del primo Futurismo macchinista, il paesaggio trova comunque i suoi cultori fra quegli artisti innamorati dell’analisi del fenomeni naturali o più suggestionati dalle atmosfere simboliste; più avanti nel corso degli anni trenta, il paesaggio diventa la naturale cornice dell’aeropittura e dell’aerofotografia, ma anche di svagati esperimenti di fotocollage, mentre la sua ultima stagione si caratterizza per una forte impronta spiritualista, basata sull’«idealismo cosmico», rappresentazione per simboli dello spazio siderale come metafora della densità psichica dell’uomo. Saranno presenti in mostra opere di Giacomo Balla, Leonardo Dudreville e Gerardo Dottori, Enrico Pedrotti, Fortunato Depero.

L’età delle trasformazioni: l’invenzione delle città. I due decenni fra le due guerre vedono, con in consolidarsi del fascismo l’avvio di una politica di lavori pubblici di grande impatto territoriale, destinata a imporre profonde modificazioni nel paesaggio italiano, accompagnate dall’enorme risonanza propagandistica creata dai moderni mezzi di comunicazione. I lavori di bonifica nell’Agro Pontino ingoiano ettari di territorio paludoso abitato da contadini transumanti e da butteri, portando alla fondazione delle “città nuove”, mito del fascismo, dominate dalla geometria del razionalismo (Giulio Aristide Sartorio, Duilio Cambellotti). La Capanna, diventata l’archetipo residuale di una cultura autoctona di miseria e pura sopravvivenza, è finalmente sconfitta, almeno nelle intenzioni della propaganda.

Dagli anni Venti alla guerra. La pittura del Novecento è letteralmente dominata dal paesaggio, soggetto ambiguo nel quale si rispecchiano gli orientamenti espressivi e anche contraddittori di una intera generazione espressi da Antonio Donghi, Ottone Rosai e Giorgio Morandi; dall’impossibile recupero di una perduta Arcadia senza tempo all’aspra denuncia di problemi sociali lasciati irrisolti (Lorenzo Viani). Schermo perfetto per la idealizzazione del “ruralismo” primitivista antiurbano, nutrito di arcaiche virtù e incorrotti sentimenti (Ardengo Soffici), è per altri artisti una via di fuga tutta privata, trasposizione degli intimi moti dell’animo e di uno sgomento di fronte alla incommensurabile varietà e incombenza della natura.
Il paesaggio devastato: gli anni della guerra. Il decennio che si chiude con lo scoppio della guerra, si apre con un presagio di distruzione contrabbandato come pretesa di rivoluzione (le demolizioni nei grandi piani urbanistici) cui gli artisti, come Mario Mafai e Afro Basaldella, rispondono con sgomento e angoscia. Queste immagini saranno poi sinistramente simili alle fotografie dei bombardamenti che sventrano le nostre città e i territori. I pittori invece preferiscono non ritrarre eventi bellici e si affidano alla metafora e al simbolo proiettando sul paesaggio, reso afono e privo di bellezza, l’angoscia individuale e collettiva provocata dai tragici eventi bellici (Carlo Levi, Fausto Pirandello, Galileo Chini).

Dal 1960 al 1990. Gli anni Sessanta sono dominati, come in tutta Europa, dalle ricerche postinformali e astratte. Il paesaggio è per lo più un riferimento interiorizzato ad una esperienza di carattere profondamente individuale (Tancredi, Giulio Turcato, Mario Giacomelli, Mimmo Jodice); tuttavia è sul versante della pop art e delle nascenti ricerche concettuali (Mario Schifano, Luca Maria Patella, Mario Cresci) che il paesaggio riprende piena legittimità in artisti impegnati a centrare sul tema il confronto fra la pittura e nuovi media espressivi e nuovi materiali industriali, in uno sforzo di creazione di nuovi linguaggi e totale oggettivazione dell’immagine. I grandi maestri della fotografia di paesaggio, (Luigi Ghirri, Gabriele Basilico, Olivo Barbieri, Guido Guidi, Franco Fontana) s’impongono per il rigore formale che coniuga soggettività e dati della realtà esterna.

Fino ai nostri giorni. È un racconto aperto, nel quale si confrontano esperienze anche molto diverse, ormai affidate prevalentemente ai linguaggi del video e delle installazioni tridimensionali, (Michelangelo Pistoletto); ma all’interno delle quali il paesaggio è quasi univocamente assunto come elemento di preoccupazione e riflessione per gli esiti delle attività umane, una cornice sempre più fragile ed esposta. Fa eccezione la rinnovata utopia dei parchi di scultura ambientale, arcadici dialoghi fra arte e paesaggio, documentabili solo attraverso le fotografie di un grande maestro come Aurelio Amendola. Spoglio da ogni retorica, il paesaggio italiano contemporaneo ripreso dai grandi maestri mette a nudo la sua fragilità, ma anche la sua capacità di resilienza e la forza comunicativa di una imprevedibile, inedita e ostinata bellezza.

Arcadia e Apocalisse. Paesaggi italiani in 150 anni di arte, fotografia, video e installazioni è organizzata con la consulenza di Paolo Antognoli, Giovanna Conti, Alessandro Romanini e Francesco Tetro. La sezione fotografia è a cura di Maria Francesca Bonetti.


PALP Palazzo Pretorio Pontedera
Piazza Curtatone e Montanara, Pontedera (PI)
Orario: da martedì a venerdì 10-19, sabato, domenica e festivi 10-20, lunedì chiuso
Ingresso: intero € 8, ridotto € 6 e 3
Tel. +39 0587 468487 - +39 331 1542017
e.mail: info@pontederaperlacultura.it - www.palp-pontedera.it

Redazione - inviato in data 06/12/2019 alle ore 10.55.11 -

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
         
 
Gli altri post della sezione : Attualità

Torna CardioLucca

Torna CardioLucca: centinaia di esperti a convegno dal 20 al.......
Redazione - inviato in data 18/02/2020 alle ore 20.19.10

Curare la guerra a Lucca

Un numero di “Documenti e Studi” sui medici-partigiani a Luc.......
Redazione - inviato in data 17/02/2020 alle ore 19.55.00 (Ricevuto 1 commenti)

A un anno dalla morte di Maria Pia Ber ..

Il 20 febbraio 2019 ci lasciava Maria Pia Bertolucci, volont.......
Redazione - inviato in data 17/02/2020 alle ore 18.21.36

La provocazione perché non fare un parcheggio interrato dentro il ..

La provocazione perché non fare un parcheggio interrato dentro il fosso cittadino lucchese, e toglie.......
Redazione - inviato in data 17/02/2020 alle ore 14.30.28 (Ricevuto 2 commenti)

Al Liceo Classico Machiavelli convegno ..

Un sabato diverso dagli altri per l’Aula Magna del Macchiave.......
Redazione - inviato in data 17/02/2020 alle ore 10.47.16

Giornata mondiale della giustizia sociale 2020

Il Coordinamento nazionale dei docenti della disciplina dei diritti umani celebra la Giornata mondia.......
Redazione - inviato in data 17/02/2020 alle ore 8.23.01

Perché sono importanti i fossi dell'Ar ..

Ecco perché sono importanti i fossi dell'Arte, non c'è una g.......
Redazione - inviato in data 16/02/2020 alle ore 13.06.05 (Ricevuto 6 commenti)

30 dipendenti delle aziende del proget ..

30 dipendenti delle aziende del progetto LU.ME. Lucca Metalm.......
Redazione - inviato in data 15/02/2020 alle ore 16.36.00 (Ricevuto 2 commenti)

Istituto Piaggia. Un incontro degli st ..

Ieri 13 febbraio all'Istituto Piaggia il parroco di Vicofaro.......
Redazione - inviato in data 14/02/2020 alle ore 11.23.44

Il 27^ convegno “Prevenire è ANCORA po ..

Il giorno sabato 15 febbraio 2020 alle ore 9.00, presso l’a.......
Redazione - inviato in data 14/02/2020 alle ore 11.15.04

Del Monte Ristorazione Collettiva fa r ..

Del Monte Ristorazione Collettiva investe nella creazione di.......
Redazione - inviato in data 13/02/2020 alle ore 19.49.15

La coscienza risvegliata

Come ogni anno, dal 2004, il 10 febbraio si celebra il Giorn.......
Redazione - inviato in data 13/02/2020 alle ore 8.20.15

A Londra con la Fondazione Banca del M ..

A Londra con la Fondazione Banca del Monte di Lucca le vinci.......
Redazione - inviato in data 12/02/2020 alle ore 12.44.33

Cardiologia a Lucca: i numeri di un su ..

Cardiologia a Lucca: nel 2019, oltre 1400 ricoverati e 360 g.......
Redazione - inviato in data 12/02/2020 alle ore 12.35.18 (Ricevuto 2 commenti)

Le ‘poesie per il risveglio’ di Annicc ..

Venerdì (14 febbraio) il poeta milanese dialogherà con Irene.......
Redazione - inviato in data 12/02/2020 alle ore 12.28.35

LICEO CLASSICO : NON SOLO GRECO

Gli alunni del Liceo Classico N. Machiavelli hanno partecipa.......
Redazione - inviato in data 11/02/2020 alle ore 23.10.23

'Salvie. Più di 20 anni fra esperienza ..

Sabato 15 Febbraio 2020, alle 15.30, presso la Casermetta Sa.......
Redazione - inviato in data 11/02/2020 alle ore 19.48.18

Le Rinascenze – Arte in Villa 2020

Terza edizione prevista per il 30 e 31 maggio. Terza .......
Redazione - inviato in data 11/02/2020 alle ore 19.42.16

Si prepara la quinta edizione di Lucca ..

La passione per il fumetto si sposa con quella dei LEGO® .......
Redazione - inviato in data 11/02/2020 alle ore 15.50.07

Ancora tutto esaurito per “Cave Cavem” ..

il 6 febbraio all’auditorium San Micheletto di Lucca Pat.......
Redazione - inviato in data 09/02/2020 alle ore 17.50.23

Export: coronavirus mette a rischio 5 ..

Export: coronavirus mette a rischio 5 milioni di euro di esp.......
Redazione - inviato in data 08/02/2020 alle ore 10.13.48

Buyer a Lucca in occasione di BUYWINE ..

Lucca, 7 febbraio 2020– Domenica 9 febbraio una delegazione .......
Redazione - inviato in data 07/02/2020 alle ore 15.26.10

Sabato 8 Febbraio incontro con Silvest ..

Sabato 8 Febbraio alle 16 in biblioteca incontreremo Silvest.......
Redazione - inviato in data 06/02/2020 alle ore 17.43.24

Lavoro: lavoratori agricoli in provincia di Lucca, ecco come rich ..

È già possibile per i lavoratori agricoli della Provincia di Lucca chiedere la disoccupazione. L’ind.......
Redazione - inviato in data 06/02/2020 alle ore 12.53.07

Un nuovo servizio integrato Centro di ..

Un nuovo servizio integrato di riabilitazione cardiologica, .......
Redazione - inviato in data 06/02/2020 alle ore 12.38.08

“Cave Cavem”

“Cave Cavem” di Alberto Grossi Marmo o acqua: bilancio di.......
Redazione - inviato in data 05/02/2020 alle ore 13.23.31

“Poesia in movimento”.

IO SONO, NOI SIAMO Giovedì prossimo ( 6 febbraio), or.......
Redazione - inviato in data 05/02/2020 alle ore 13.14.08

i Fossi dell'Arte a Lucca

La lodevole iniziativa i Fossi dell'Arte a Lucca,promossa dal l'amico artista Fabrizio Barsotti meri.......
Redazione - inviato in data 04/02/2020 alle ore 19.21.14

04/02/2020 Carnevale e beneficenza con il ballo in maschera d...
(Ricevuto 1 commenti)
04/02/2020 a Villa Le Sughere di Marginone di Altopascio si p...
03/02/2020 A.Celli Nonwovens a sostegno dell’emergenza sanita...
03/02/2020 'Povere esistenze' di Franco Della Maggiora in esp...
02/02/2020 “Chiamat@sociale; 0583 492003 Il numero che mi vuo...
(Ricevuto 3 commenti)
31/01/2020 Luna nel monte Forato
31/01/2020 Smarrimento 'Max' cucciolone di Golden retriever
(Ricevuto 1 commenti)
31/01/2020 Coronavirus cinese: 2 casi in Italia
31/01/2020 Solidarietà ai lavoratori Whirlpool di Napoli
30/01/2020 Pubblicità ingannevole sui giornali online locali
29/01/2020 Operato Metro
(Ricevuto 2 commenti)
29/01/2020 Incontro con Silvestro Montanaro
29/01/2020 ISI Pertini e la La Tregua di Marco Brinzi
28/01/2020 Potevate mandarli a Pisa
28/01/2020 Perché sono contro.le divise.
27/01/2020 .
27/01/2020 America contro tutti
27/01/2020 CHE IL PRESENTE SIA SGOMBRO DAGLI ORRORI DEL PASSA...
25/01/2020 Restaurato il quadro raffigurante l’Ecce Homo dell...
25/01/2020 l’ISI Pertini ospita il Nonno Partigiano Fortunato...
25/01/2020 Il corso “il Fiume Serchio tra storia e presente”
24/01/2020 Cinesi allora?
(Ricevuto 3 commenti)
24/01/2020 Domenica un incontro su carcere e fine pena alla C...
24/01/2020 Si aprono le porte del Festival di Sanremo per lo ...
23/01/2020 “itArte”: un progetto per raccontare Lucca in arte...
23/01/2020 Incontro di prevenzione al cyberbullismo
23/01/2020 Intervento di restauro del quadro raffigurante l’E...
23/01/2020 GIORNATA MONDIALE STOP 5G TUTTI IN PIAZZA
22/01/2020 I bambini e la Shoah, la memoria nelle scuole in F...
22/01/2020 41°Anniversario dell’uccisione di Mario Francese
21/01/2020 LU.ME. consegna abiti per donne e bambini donati d...
21/01/2020 L’inverno di Bucinella. Federico Guerri presenta i...
20/01/2020 Il via al micologico Danesi: guarda dove metti i p...
20/01/2020 “Infernaltrip”. Laboratorio teatrale per adulti
19/01/2020 Laboratori gratuiti di scrittura e lettura creativ...
19/01/2020 Grande successo per la “Notte Nazionale dei Licei ...
19/01/2020 Jack cerca casa...
(Ricevuto 1 commenti)
18/01/2020 Cara signora!
18/01/2020 Itinerari per scoprire LUCCA DALLE ORIGINI
17/01/2020 Dal confine orientale alla nostra città: studenti ...
16/01/2020 Anomala ripartizione studenti in un istituto compr...
(Ricevuto 1 commenti)
16/01/2020 Un buon successo per “I Presepi nelle Cappelle dei...
15/01/2020 La burocrazia.
14/01/2020 Incontro con le scuole per conoscere l’opera di Do ...
(Ricevuto 1 commenti)
14/01/2020 La forza delle Idee, terzo incontro
14/01/2020 Notte bianca dei Licei Classici.
14/01/2020 “Il tuo suono è appeso a un filo”
14/01/2020 Per la Giornata della Memoria
13/01/2020 Caffè Di Simo tra fine Ottocento e primi del Novec ...
13/01/2020 'Questa terra impastata di sangue'
11/01/2020 L’Asl: “Al San Luca installati due ripetitori in p ...
10/01/2020 Stavo scrivendo, poi é sparito tutto.
10/01/2020 Baluardo San Donato. Lo Speaker's Corner dove è fi ...
08/01/2020 Riscoprire l’Inferno di Dante grazie al laboratori ...
08/01/2020 Medici aggrediti: Servono posti fissi e agenti neg ...
07/01/2020 Un appello per la pace
07/01/2020 Reddito minimo: di cosa si tratta e come funziona, ...
07/01/2020 XIV° CONCERTO DELL'EPIFANlA
07/01/2020 Dove è finito il plastico del trenino di Nicolosi ...
(Ricevuto 2 commenti)
05/01/2020 Ricorrenza omicidio Piersanti Mattarella
05/01/2020 'FILOSOFIA:OSSIGENO PER IL CUORE? FINALITA' E SIGN ...
04/01/2020 forse non tutto è perduto...
(Ricevuto 1 commenti)
04/01/2020 la Befana di Aquilea
(Ricevuto 1 commenti)
04/01/2020 Oggi mi sento meno “stanchevole”.
(Ricevuto 8 commenti)
03/01/2020 Laboratorio di scrittura poetica. “AMOR VINCIT. LE ...
02/01/2020 Visite guidate alla mostra “Werner Bischof. Classi ...
29/12/2019 CAMPUS NATALIZI nei Musei di Lucca
29/12/2019 Smarrito nella zona di Maggiano
28/12/2019 Sul Tirreno di oggi
(Ricevuto 2 commenti)
26/12/2019 VALDO SPINI IN VISITA ALLA MOSTRA SU BERNARDO BELL ...
(Ricevuto 1 commenti)
26/12/2019 “Italo Primi” Aperta anche durante le feste a Olio ...
26/12/2019 Open Day al Liceo Classico N.Machiavelli
24/12/2019 Auguri di Buone Feste da Fabrizio Barsotti
23/12/2019 Abbracci di Natale in Piazza Napoleone
(Ricevuto 1 commenti)
22/12/2019 Smarrimento Max cucciolone di Golden retriever
(Ricevuto 3 commenti)
22/12/2019 2° concorso Ricordando Letizia Romizi
22/12/2019 Personaggio del l'anno-
(Ricevuto 12 commenti)
21/12/2019 Pescaglia, fiaccolata in attesa del Natale, festa ...
20/12/2019 Capodanno a Lucca sempre peggio.
(Ricevuto 13 commenti)
20/12/2019 La Cattiva Strada emoziona il pubblico al primo co ...
20/12/2019 Mercatino di Natale secondo appuntamento
20/12/2019 A Marlia presso Casa Gori è visitabile il presepe
20/12/2019 Le scuole superiori lucchesi contro la violenza
19/12/2019 Assegnata la borsa di studi al merito in memoria d ...
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it