Home
 
Login         
 Home page - La Voce di Lucca
giovedì 26 maggio 2022  
  Altopascio e Montecarlo Attualità Attualità & Humor Auto e Motori Bon Appetit C.N.A. Capannori - Porcari Comunicati Stampa Cultura Cultura & dintorni Degrado lucchese Elezioni 2022 Garfagnana La Tradizione Lucchese l'Altra Stampa  
  Lucca Curiosa Manifattura tabacchi Mediavalle - Val di Lima Mondo animale Necrologi Pescia - Villa Basilica Politica Politica Lucchese Racconti Lucchesi Salute Satira Società Spettacolo Sport Venti di guerra a oriente VERSILIA  
Puoi dare la tua valutazione su questo scritto:
1 2 3 4 5
Psichiatria Livorno, l'ex direttore: 'Paziente morto legato al letto'

Psichiatria Livorno, l'ex direttore: 'Paziente morto legato al letto'

Psichiatria Livorno, la denuncia dell'ex direttore: 'Pazienti legati ai letti, ormai è una procedura standard da quando c'è il Covid '
La lettera di Mario Serrano, ex responsabile dei servizi di Salute mentale di Livorno: 'Malgrado la legge 180, sono tornate le contenzioni. E un paziente sarebbe addirittura morto dopo una settimana con le fascette'



Riceviamo e pubblichiamo integralmente la lettera dell'ex responsabile dei servizi di Salute mentale di Livorno, Mario Serrano, in merito alla situazione attuale del reparto di Psichiatria dell'ospedale di Livorno.

'Il senso di questa lettera è in una semplice domanda: cos'è oggi il reparto di Psichiatria di Livorno? Premetto che ho iniziato a fare lo psichiatra ad Arezzo nel 1980. Per 15 anni ho poi diretto il servizio di Martina Franca, in Puglia. Dal 1997 al 2017, per 20 anni, ho avuto la responsabilità dei servizi di Salute mentale di Livorno. Per quanto da quattro anni sia ormai in pensione, non posso rimanere indifferente. La scorsa settimana un collega di un'altra USL toscana mi ha telefonato per avere una conferma su una voce che circola sulla morte per polmonite (non connessa a Covid) di un paziente della Val di Cornia che, ricoverato in psichiatria a Livorno, sarebbe rimasto contenuto al letto per una settimana. Gli ho risposto che non ne sapevo niente. Il giorno dopo ho ricevuto un messaggio di costernazione dal presidente dell'Associazione dei Familiari, che aveva appreso la notizia in questione da un intervento al seminario online della Consulta della Salute Mentale.

MArio Serrano - Psichiatria-2A quel punto ho cercato notizie sulla stampa, ma non ne ho trovate. Ho fatto qualche telefonata ma non sono riuscito a saperne molto di più. Sembrava che un paziente della Val di Cornia fosse morto dopo giorni di contenzione e che, a distanza di una settimana, nessuna azione era stata promossa, né audit né altro, per chiarire (o almeno discutere in equipe) l'accaduto. Sono rimasto angosciato: morire legati a letto era diventata a Livorno una routine? Come era possibile? Dal 2007 le contenzioni, che erano state comunque negli anni precedenti sempre sporadiche e molto brevi (due tre l'anno e nessuna mai per più di qualche ora), erano state completamente azzerate tanto che da allora le visite dei servizi che venivano a Livorno per conoscere il nostro lavoro (e solo da Norvegia, Svezia e Finlandia ce ne furono più di 30) terminavano proprio con una riunione con l'equipe del reparto. Volevamo fare proprio in SPDC la discussione finale perché fosse più chiaro che le cose, più o meno belle, che potevano aver visto nel variegato giro tra CSM, Comunità Terapeutica, Percorsi di inserimento lavorativo, Appartamenti supportati, Mutuo Aiuto di utenti e di familiari, non erano dei fiori all'occhiello (i versi di Brecht sulle azalee di Jakob che servivano a coprire il puzzo dei cadaveri, versi tremendi che Basaglia aveva ripreso proprio nell'introduzione di Morire di classe), i fiori all'occhiello d'una psichiatria che nel suo versante più sanitario, con i casi difficili, rimaneva la stessa di sempre.

'Morire legati a letto era diventata a Livorno una routine? Come era possibile?'

La suddivisione tra la Salute mentale di comunità (per i pazienti più facili) e la Psichiatria ospedaliera (per i difficili) era proprio il dualismo che cercavamo di evitare: ed era anche il motivo per cui venivano a visitarci dai paesi scandinavi, perché la ricchezza del loro welfare li aveva spinti a moltiplicare i servizi più che a modificarne il funzionamento col risultato di ritrovarsi poi con un sistema di doppio binario che aumentava le prestazioni, ma non eliminava affatto gli aspetti più deleteri della istituzione psichiatrica.

Negli ultimi anni molte cose negative sono accadute nella salute mentale (sia regionale che aziendale), molte decisioni sono state prese fuori dal solco di una tradizione di cui eravamo andati fieri per tanti anni. Non sono un amante delle dietrologie e, in 40 anni di lavoro con vicende umane molto complesse, ho imparato che molti eventi possono concorrere a innescare un processo senza che sia necessario supporre l'esistenza di un progetto, di una volontà esplicita di qualcuno. Visto da troppo vicino, ogni piccolo evento/decisione sembra avere la sua, per quanto opinabile, giustificazione, la sua ragion d'essere, ogni scelta ha il suo più o meno innocente decisore.

'Negli ultimi anni molte cose negative sono accadute nella salute mentale (sia regionale che aziendale), molte decisioni sono state prese fuori dal solco di una tradizione di cui eravamo andati fieri per tanti anni'

Ma se guardiamo dalla giusta distanza questo insieme di fatti (che non sono mai solo meri fatti, sono decisioni, ossia azioni volute da qualcuno) possiamo intravedere un disegno: talvolta emerge un tratteggio che denota indecisione, un disordine di direzioni, un va e vieni, uno zig zag, come è logico quando si è nel campo della casualità. Talaltra invece questo insieme di decisioni, ripeto, prese ciascuna indipendentemente dall'altra e senza nessuna pretesa che soggiacciano ad un disegno unitario, conscio dei sui effetti a lungo termine, sembrano comunque perdere la loro casualità. I fatti sono in ordine, in bella fila, secondo una traiettoria così netta da sembrare una freccia. Perché questo avvenga non è necessario che ci sia un piano occulto, basta che ci sia un cambiamento di cultura, una caduta di tensione etica e allora i diritti passano in seconda battuta, i pazienti perdono la centralità così faticosamente costruita/conquistata, le istituzioni si piegano a priorità diverse da quelle dichiarate: è il gap tradizionale tra il dire e il fare della psichiatria, quello che un tempo chiamavamo la Logica Istituzionale. Negli ultimi 40 anni a Livorno hanno cercato di combatterla insieme operatori, legislatori, amministratori, utenti, familiari: ma oggi è ancora così?

'Le istituzioni si piegano a priorità diverse da quelle dichiarate: è il gap tradizionale tra il dire e il fare della psichiatria, quello che un tempo chiamavamo la Logica Istituzionale. Negli ultimi 40 anni a Livorno hanno cercato di combatterla insieme operatori, legislatori, amministratori, utenti, familiari: ma oggi è ancora così?'

In primis sono arrivate le sbarre alle finestre. Non nere, non tristi, non verticali, come usava in OP, ma bianche, luminose, orizzontali, con quell'inclinazione allegra che mima le persiane delle case di campagna. Poi c'è stato il trasferimento del responsabile che aveva lavorato per l'azzeramento delle contenzioni. Dopo un po''c'è stata la reintroduzione delle fascette in reparto. L'AVOFASAM sostiene che durante una riunione a Pisa col Dipartimento aziendale, ci sia stata la promessa che sarebbero rimaste inutilizzate. Dopo un poco, però, sono iniziate le contenzioni. Brevi e sporadiche. Poi c'è stato lo sfratto dell'Associazione degli utenti Mediterraneo dalla stanza a loro affidata per poter espletare gli impegni prescritti da una convenzione. In quella stanza alcuni utenti-esperti intervistavano i ricoverati per monitorare la loro esperienza soggettiva del ricovero. La stessa stanza fungeva anche da biblioteca e da punto organizzativo per il servizio di prestito libri negli altri reparti dell'ospedale. Era questo un servizio che veniva garantito da anni da due utenti appositamente formati ed era stato concordato con i caposala e i primari di alcuni reparti del presidio ospedaliero (che potevano avvalersene anche per soddisfare alcuni criteri richiesti per il loro accreditamento).

Poi c'è stato il Covid: le contenzioni sono state prescritte come procedura standard (la banalità del male) per tutti i pazienti, difficili da gestire, che ancora non avevano avuto l'esito negativo del tampone. Poi ci sono stati i corsi di formazione: non più per evitare ma per imparare a fare le contenzioni. Poi ci sono stati gli Audit ma questa volta non erano audit per i casi in cui c'era stata la contenzione ma per i casi in cui, in deroga al protocollo, la contenzione non era stata effettuata. E poi oggi… e non sappiamo ancora bene cosa. Tra qualche mese ci sarebbe una decorrenza importante: i 50 anni dell'esperienza di Arezzo, i 50 anni dal momento in cui un'amministrazione provinciale toscana decise di lavorare per il superamento del Manicomio. Nel far questo si poneva, insieme a Trieste, alla testa di un movimento nazionale di Riforma Psichiatrica che sarebbe sfociato dopo pochi anni nella legge 180. Ad Arezzo le contenzioni vennero superate nel manicomio in quegli anni, quindi ben prima che la 180 diventasse legge dello Stato. Oggi sono tornate, malgrado la 180. È del tutto evidente che in questo genere di cose, le leggi non bastano e che contano altre cose, le singole persone, certamente, ma



Potrebbe interessarti: https://www.livornotoday.it/attualita/morto-paziente-legato-psichiatria-livorno-denuncia.html?fbclid=IwAR06w13ExXOF4xvadaDhR91MUv4HWQgDQP6l_p9sRqJhpRxuvEtKwXijioU

Anonimo - inviato in data 15/04/2021 alle ore 15.54.50 - Questo post ha 1 commenti

SCRIVI IL TUO COMMENTO
 
Invia post a....
Stampa Post
         
COMMENTI
- La ASL Toscana in merito alla segnalazione - da Anonimo - inviato in data 15/04/2021 alle ore 22.13.11
La ASL Toscana nord ovest interviene dopo le dichiarazioni del dott. Mario Serrano

Livorno, 15 aprile 2021 - In relazione al caso del signore ricoverato in SPDC e poi purtroppo deceduto, la ASL Toscana nord ovest ha effettuato una serie di accertamenti per verificare il reale svolgimento dei fatti. Il paziente era affetto, oltre che da una grave patologia psichiatrica anche da altre malattie concomitanti, per questo era stato preso in carico da diversi specialisti attraverso le molte consulenze che si sono susseguite nei giorni del ricovero. Ricovero motivato, sia dal peggioramento fisico e psichico del paziente, sia dalla necessità di individuare un progetto terapeutico alternativo, visto il fallimento del percorso residenziale che aveva intrapreso. La contenzione, non continuativa, si è resa necessaria a causa dell’aggressività nei confronti del personale che, infatti, in un’occasione ha dovuto allertare le forze dell’ordine.

“Dopo aver preso visione della cartella clinica, raccolte le dichiarazioni del personale sanitario – sottolineano dalla ASL - possiamo tranquillamente affermare che sono state applicate correttamente tutte le procedure relative alla cura e alla gestione del paziente”. “In merito alla contenzione è importante anche rilevare che nel 2020, all’SPDC di Livorno, si sono messe in atto 14 contenzioni, di cui una per 6 giorni, una per 5 giorni, due per 2 giorni, sette per 1 giorno, 3 per poche ore, su oltre 400 ricoveri annui Un uso oculato, quindi, di uno strumento che è previsto anche in altri reparti ospedalieri quando si verifica la necessità di garantire la salute del paziente e degli operatori. Infatti, la contenzione è un tema trasversale di rilevanza aziendale che riguarda, non solo la salute mentale, dove la sensibilità e l’approccio preventivo sono ben consolidati anche dal punto di vista culturale, ma tutte le strutture di degenza dove è possibile che si verifichino le condizioni per la messa in atto di un intervento contenitivo, condizioni che rientrano nel perimetro stabilito dalla giurisprudenza di legittimità e che fanno riferimento a requisiti di necessità, indifferibilità, impraticabilità di strategie alternative”.

“Purtroppo, negli ultimi anni, si è verificato un cambiamento dell’utenza che si rivolge ai servizi: accade sempre più spesso che i professionisti debbano trattare persone che usano sostanze illegali, con effetti dirompenti sul comportamento”. Afferma Roberto Sarlo, responsabile della salute mentale della ASL. “Questo fenomeno ha fortemente contribuito alla maggior frequenza di atti di violenza verso gli “altri” pazienti e verso gli operatori. Il soggetto intossicato da sostanze eccitanti (spesso non rilevabili con le comuni indagini tossicologiche) perde il contatto con la realtà e mette in atto azioni aggressive non fronteggiabili con le buone pratiche di contenimento relazionale, con le tecniche di de-escalation e talk off, diligentemente praticate dagli operatoti. Ed anche la contenzione chimica, l’uso massiccio di sedativi (che comunque per essere somministrati necessitano in questi casi di un contenimento), talora attuato per non passare alla contenzione meccanica, è estremamente rischioso: gli effetti delle droghe sommati agli effetti degli psicofarmaci possono mettere in serio pericolo la vita della persona. Proprio a Livorno, solo per citare un episodio fra i tanti, un’infermiera del SPDC ha subito un danno irreversibile ad un arto in seguito all’aggressione di un paziente”.

“E’ bene anche sottolineare – continua Sarlo – che non stiamo cambiando i nostri paradigmi: la centralità della persona-paziente, l’umanizzazione dei percorsi di cura, l’uso attento delle terapie farmacologiche e infine la riqualificazione ed il re-inserimento sociale dei malati di mente che chiedono aiuto ai servizi psichiatrici, sono e continuano ad essere gli obiettivi fondanti e primari. Il dialogo con le Associazioni di Tutela, con il Coordinamento Toscano delle Associazioni per la Salute Mentale, è costante e proseguirà nonostante il periodo difficile che la sanità sta vivendo”.

“La ASL Toscana nord ovest – conclude il medico -, così come molte altre Aziende sanitarie italiane, è così sensibile al tema del ricorso appropriato alla contenzione quale misura estrema da averla recentemente regolamentata con una apposita procedura aziendale che è stata sottoposta alla verifica ed ha superato il vaglio del Comitato Etico Locale e sarà esaminata anche dal Comitato Unico Aziendale delle Tutele, un organismo di recente costituzione che riunisce giuristi e professionisti esperti in materia medico-legale e sicurezza del paziente”.

“Lascia dunque perplessi – precisa la Direzione aziendale - che un medico che per anni ha diretto il servizio della salute mentale di Livorno ai più alti livelli di responsabilità, anche dipartimentale, e che da diversi anni ne è estraneo dopo il pensionamento, tra l’altro ben consapevole dei problemi che il tema della contenzione ha sempre rappresentato nei gruppi di lavoro, all’interno dei quali anche in passato hanno sempre dialetticamente convissuto opinioni diverse, venuto a conoscenza in modo del tutto generico di un ‘caso’, si sia lanciato in giudizi pubblici sferzanti verso l’operato dei colleghi professionisti medici ed infermieri del settore, gravati nell’ultimo anno dall’enormità della pandemia, professionisti verso i quali l’Azienda intende invece manifestare il proprio apprezzamento e la propria fiducia sperando che anche gli Organi di riferimento professionale, valutando tale atteggiamento nelle proprie sedi di competenza, possano fare altrettanto”. (dg)



---------------------------------------
Gli altri post della sezione : Società

Benvenuti a Lucca..... incuria

Su viale Europa l'erba ormai è talmente alta da rendere impo.......
Anonimo - inviato in data 25/05/2022 alle ore 10.20.26 (Ricevuto 2 commenti)

LETTERA SOCIALE

Questa è una mia lettera spero la pubblichiate do il consens.......
Redazione - inviato in data 24/05/2022 alle ore 18.50.42 (Ricevuto 1 commenti)

le assemblee territoriali aperte della CGIL

La condizione che stiamo attraversando è straordinaria: pandemia, guerra, nuovo paradigma digitale, .......
Redazione - inviato in data 23/05/2022 alle ore 10.45.41 (Ricevuto 1 commenti)

PROGETTO ANZIANI donazione di attrezza ..

Il Rotary Club Lucca ha inserito tra i services dell’annata,.......
Redazione - inviato in data 22/05/2022 alle ore 11.00.13

Vivere il Web in sicurezza s’impara a ..

Una piattaforma di e-learning e un kit distribuito in oltre .......
Redazione - inviato in data 21/05/2022 alle ore 13.50.23

“UNA MARCIA IN PIÙ” 
SUCCESSO PE ..

LUCCA, 21 maggio 2022 - Oltre trecento persone a “Una marcia.......
Redazione - inviato in data 21/05/2022 alle ore 13.46.01

Disabilità e dopo di noi: l'impegno de ..

Disabilità e dopo di noi: l'impegno della Fondazione per la .......
Redazione - inviato in data 18/05/2022 alle ore 10.17.56

Videoclip di sensibilizzazione a Lucca

L’associazione Echo in occasione del 17 maggio In occasio.......
Redazione - inviato in data 17/05/2022 alle ore 17.11.19

Si conclude la missione delle Miserico ..

Si conclude la missione delle Misericordie toscane in Moldav.......
Redazione - inviato in data 13/05/2022 alle ore 16.25.51

Sconnessi in Salute a scuola!

Sconnessi in Salute a scuola! Presentato oggi a Lucca il pro.......
Redazione - inviato in data 13/05/2022 alle ore 16.11.10

“LUCCA EDUCA2”: incontro gratuito per genitori

SOCIAL, VIDEOGIOCHI E BENESSERE DIGITALE IN ADOLESCENZA Incontro in San Micheletto con lo ps.......
Redazione - inviato in data 12/05/2022 alle ore 10.34.26

COMUNICATO CGIL CISL FIADEL SISTEMA AMBIENTE

Le organizzazioni sindacali CGIL CISL e Fiadel di Sistema Ambiente prendono le distanze dal comun.......
Redazione - inviato in data 06/05/2022 alle ore 8.50.46

UN FINE SETTIMANA DEDICATO A PADRE REM ..

Sabato 7 e domenica 8 a San Pietro a Vico e San Cassiano a V.......
Redazione - inviato in data 05/05/2022 alle ore 19.14.41

Giornata mondiale della Croce Rossa

Giornata mondiale della Croce Rossa, i volontari di Lucca do.......
Redazione - inviato in data 03/05/2022 alle ore 19.57.30

Ritorna leggibile l'iscrizione sotto a ..

Ritorna leggibile l'iscrizione sotto al monumento a Maria Lu.......
Redazione - inviato in data 30/04/2022 alle ore 12.59.21 (Ricevuto 3 commenti)

NUOVI CORSI DI FORMAZIONE DI CISL

IN VISTA DEI CONCORSI PUBBLICI A LUCCA MASSA E PISTOIA A seguito del nuovo DL. n.80/2021 sul.......
Redazione - inviato in data 30/04/2022 alle ore 12.27.48

PRIMO MAGGIO 2022. LE PRIORITA' PER CI ..

Oggi più che mai, ma anche ogni giorno la parola di Cisl Tos.......
Redazione - inviato in data 30/04/2022 alle ore 12.25.29

Vertenza Lactalis – Alival: I risultati del primo step del tavolo ..

'La migliore notizia è che di fronte alla vertenza Alival di Ponte Buggianese - l'Azienda ha anche u.......
Redazione - inviato in data 29/04/2022 alle ore 19.40.18

Pialli (Fisascat Cisl) su situazione O ..

A rischio l’imbottigliamento dell’olio a Lucca. A dar.......
Redazione - inviato in data 29/04/2022 alle ore 15.56.01

OGGI SI CELEBRA LA GIORNATA DEI MORTI SUL LAVORO

OGGI SI CELEBRA LA GIORNATA DEI MORTI SUL LAVORO CON: - Nei primi tre mesi del 2022 un increm.......
Redazione - inviato in data 28/04/2022 alle ore 19.16.44

Nuovi stalli per la sosta ai dipendent ..

Giada Bellandi (Fisascat Cisl): 'Una vittoria a metà: esclus.......
Redazione - inviato in data 28/04/2022 alle ore 18.50.29 (Ricevuto 1 commenti)

ALLARME PER I LAVORATORI ALIVAL

AMEDEO SABATO (Fai Cisl Toscana Nord): 'Una storia purtroppo.......
Redazione - inviato in data 28/04/2022 alle ore 18.47.34 (Ricevuto 1 commenti)

Ucraina, a Leopoli anche un volontario ..

Lucca, 26 aprile - C’è anche un po’ di Lucca nel terzo convo.......
Redazione - inviato in data 26/04/2022 alle ore 22.26.40

POESIA IN MOVIMENTO ALL’UNIDEL

Mercoledì (27 aprile), alle ore 16, all’oratorio Giovanni Pa.......
Redazione - inviato in data 25/04/2022 alle ore 19.22.40 (Ricevuto 1 commenti)

L’ebbrezza totalitaria

Le parole di Fratel Arturo Paoli in una videointervista ined.......
Redazione - inviato in data 25/04/2022 alle ore 11.22.46

Anche la lettera ZETA la Metton fuorilegge?

Già diventata 'peggio della svastica' che il Battaglione ucraino anti Putin sta, sdoganando.. Ora c.......
Anonimo - inviato in data 24/04/2022 alle ore 20.33.20

Giornata internazionale della madre Te ..

Il Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diri.......
Redazione - inviato in data 22/04/2022 alle ore 8.40.16

'NON CHIAMATELI 'SCEMI DI GUERRA'.

'NON CHIAMATELI 'SCEMI DI GUERRA'. Ce n'era uno quasi.......
Anonimo - inviato in data 17/04/2022 alle ore 11.38.15 (Ricevuto 1 commenti)

17/04/2022 La Renza e la Pasqua, che credeva potesse rendere ...
15/04/2022 CORSI CISL LUCCA PER PREPARARSI AI PROSSIMI CONCO...
12/04/2022 Elezioni RSU: la Cgil sbanca nelle scuole con il 4...
11/04/2022 Una performance liberamente ispirata a Maria Elett...
09/04/2022 Festeggiamenti per i 30 anni della Fidapa BWP Ital...
08/04/2022 Un tulipano per il Parkinson
06/04/2022 la Giornata Mondiale della Salute 2022
05/04/2022 INCONTRO SUI I DIRITTI DELLE DONNE E IL CIF DI LUC...
04/04/2022 SAN GINESE: COLDIRETTI LUCCA, SFIDA E’ GARANTIRE F...
04/04/2022 Sanità Toscana, “Mancano 5mila infermieri
(Ricevuto 2 commenti)
03/04/2022 Cisl Fp Toscana in difesa di infermieri ed Oss osp...
(Ricevuto 2 commenti)
02/04/2022 Lucca: mancano infermieri e operatori sanitari osp...
(Ricevuto 2 commenti)
01/04/2022 la Giornata mondiale della consapevolezza dell'aut...
27/03/2022 QUASI 10.000 EURO DI FARMACI PER L'UCRAINA GRAZIE ...
26/03/2022 DONNE: UNA IMPRESA SU TRE E’ ROSA IN LUCCHESIA
26/03/2022 FILT Cgil e FIT Cisl licenziamento ingiustificato ...
(Ricevuto 2 commenti)
23/03/2022 Accreditamento badanti provincia di Lucca, informa...
(Ricevuto 1 commenti)
20/03/2022 Giornata internazionale della sindrome di down 202...
18/03/2022 Ucraina, la Croce Rossa di Lucca cerca volontari t...
18/03/2022 Domani è la festa del Papà. Ma i padri non hanno m...
14/03/2022 Convegno:“Disturbi del comportamento alimentare. C...
08/03/2022 Filctem Cgil: aggressione verbale ad una dipendent...
08/03/2022 Per un 8 Marzo 365 giorni all'Anno
07/03/2022 8 marzo, crescono le adesioni femminili all'Avis
06/03/2022 8 marzo: non solo mimose alle Chiavi d’Oro
(Ricevuto 1 commenti)
06/03/2022 8 MARZO
03/03/2022 Ucraina, pronto a partire il primo convoglio di ai...
02/03/2022 Ucraina, le Misericordie strumento della generosit...
28/02/2022 Donazione di sangue, al via la campagna di sensibi...
27/02/2022 Il giorno 27 febbraio è mancato il  Maestro Gaetan...
26/02/2022 1 marzo. Iniziative per la Giornata internazionale...
24/02/2022 CONGRESSO CISL CONFERMATI I SEGRETARI LUCCA MASSA ...
22/02/2022 Congresso Cisl Toscana Nord. 'Esserci per cambiare...
22/02/2022 Un pozzo ricorderà Maria Pia Bertolucci in una ter...
22/02/2022 aggiornamenti dal tavolo di trattativi per la cris...
22/02/2022 'RITORNO ALLA VITA' è un evento collettivo aperto,...
21/02/2022 CORSO GRATUITO PER OPERATORI UNITA’ DI STRADA
19/02/2022 Terzo incontro dei martedì missionari di Spazio Sp...
18/02/2022 Rapporto povertà Caritas, Acli: “Toscana non più i...
10/02/2022 Latte San Ginese Tavolo di crisi in Regione
10/02/2022 FLAI – Cgil, FAI – Cisl e UILA – UIL sulla crisi d...
09/02/2022 Green pass. Dipendenti delle Poste della provincia...
(Ricevuto 10 commenti)
07/02/2022 Iniziative per la Giornata per la sicurezza in ret ...
04/02/2022 Vertenza Caplac Gruppo Arborea
04/02/2022 IMT E FONDAZIONE
(Ricevuto 3 commenti)
04/02/2022 Agricoltura, in Toscana lavoro sempre più femminil ...
04/02/2022 A proposito di Drusilla
(Ricevuto 3 commenti)
04/02/2022 Presidio San Luca e territorio Campo di Marte a ri ...
03/02/2022 La Giornata internazionale contro il cancro
01/02/2022 Latte San Ginese, lettere di licenziamento collett ...
(Ricevuto 5 commenti)
24/01/2022 per grandi e piccini
(Ricevuto 4 commenti)
13/01/2022 Sangue, l'appello ai donatori di Avis Toscana: 'Ch ...
01/01/2022 Buon 2022
(Ricevuto 1 commenti)
01/01/2022 Buon 2022
(Ricevuto 1 commenti)
31/12/2021 Nuovo defibrillatore a S. Anna
(Ricevuto 2 commenti)
30/12/2021 A gennaio un nuovo corso online per diventare volo ...
29/12/2021 Medici di Medicina Generale della provincia di Lu ...
(Ricevuto 3 commenti)
19/12/2021 la XXVI Giornata internazionale della solidarieta'
18/12/2021 Appalto dei servizi di apertura al pubblico
(Ricevuto 2 commenti)
17/12/2021 UN NUOVO CENTRO DI ASCOLTO CARITAS A SAN PIETRO A ...
17/12/2021 Cgil Lucca: manifestazione di Roma 16-12
12/12/2021 CISL. GIANNECCHINI NUOVO SEGRETARIO PENSIONATI
09/12/2021 Nursing Up, rinnovo contratti: gli infermieri imba ...
09/12/2021 CONCLUSO IL 2° CONGRESSO DEL SINDACATO LAVORATORI ...
08/12/2021 Giornata internazionale dei diritti umani 2021
06/12/2021 NICOLA DA SAN MARTINO CONFERMATO PER LA TERZA VOLT ...
04/12/2021 OPEN DAY. SCUOLA DELL’INFANZIA G. Giusti – G. Roda ...
03/12/2021 CGIL Lucca: elezione Segretario Generale FILCAMS
25/11/2021 No alla Violenza: dalla parte delle Donne!
24/11/2021 Servizi di pulizia presso pdv Pam Panorama
22/11/2021 Cgil Lucca: Manifestazione del 25 novembre contro ...
20/11/2021 Una luce per l’AFghanistan
17/11/2021 E''nata l'associazione BLU LUDOVICA
15/11/2021 Domani mozione per la bigenitorialità
(Ricevuto 1 commenti)
15/11/2021 Dedicato agli 'ultimi', gli 'invisibili'
09/11/2021 Comunicato stampa unitario Cgil, Cisl e Uil
09/11/2021 La Chiesa comincia a risarcire vittime dei preti p ...
(Ricevuto 2 commenti)
09/11/2021 Cgil Lucca: atti vandalici ai fondi di viale S. Co ...
(Ricevuto 2 commenti)
08/11/2021 NO VAX: Analisi
(Ricevuto 7 commenti)
07/11/2021 Delusione e rabbia per gli ambulanti di Arti e Mes ...
(Ricevuto 2 commenti)
03/11/2021 Sangue, il primo giorno dei 35 volontari di serviz ...
30/10/2021 CORSI GRATUITI DI FORMAZIONE SPECIALIZZATA PER ASS ...
26/10/2021 Amedeo Sabato confermato alla guida Fai Cisl Tosca ...
21/10/2021 SPI-Cgil: inaugurazione nuova sede a Capannori 26/ ...
Login
Registrati alla Voce
Iscriviti alla news
Blog personali
i Blog dei lucchesi
 
 
Informativa

INFORMATIVA

Chi si ritenesse danneggiato o diffamato da scritti pubblicati in questo blog può richiederne la rimozione immediata scrivendo al nostro indirizzo ed indicando il titolo del post o del commento

P.IVA 02320580463
Le foto presenti in questo blog sono state prevelentemente scaricate da internet e sono state ritenute pertanto libere da COPYRIGHT.
L'autore della foto ha comunque il diritto di chiederne la rimozione semplicemente scrivendo a
info@lavocedilucca.it