ANDREUCCETTI SUL PARCO APUANE

ANDREUCCETTI SUL PARCO APUANE:
“PER RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI SERVE COESIONE”



BORGO A MOZZANO, 10 ottobre 2017 – «Per raggiungere gli obiettivi serve collaborazione e coesione». Questo è il messaggio lanciato da Patrizio Andreuccetti, sindaco di Borgo a Mozzano, al termine dell’incontro organizzato ieri sera, lunedì 9 ottobre, dall’Unione dei Comuni per illustrare ai cittadini la sospensione delle modifiche ai confini del Parco delle Alpi Apuane, regolata dalla “legge Baccelli”.

Alla presenza, tra gli altri, delle associazioni del mondo venatorio, dei cittadini di San Romano e Motrone e della commissione caccia del Comune di Borgo a Mozzano, Stefano Baccelli, consigliere regionale e presidente della IV commissione per il governo del territorio e l’ambiente, e Marco Remaschi, assessore regionale all’agricoltura e alle politiche della montagna, hanno spiegato nel dettaglio il percorso che ha portato a cancellare quelle modifiche che avrebbero avuto ricadute dannose per i confini di Pescaglia, Borgo a Mozzano e Piazza al Serchio.

«Voglio ringraziare tutti per il grande sforzo compiuto – commenta Andreuccetti –, a partire dai nostri rappresentanti in Regione, Baccelli e Remaschi, e dai miei colleghi sindaci, Bonfanti e Carrari, con i quali c’è stato un efficace gioco di squadra. Sono evidenti le migliorie che derivano da questa nuova disposizione sui confini. È stata, infatti, sospesa l’efficacia delle limitazioni di carattere urbanistico che, soprattutto nei casi di San Romano e Motrone, avrebbero reso pressoché impossibile qualsiasi tipo di intervento e le aree destinate alla caccia sono tornate quelle di un tempo. In questo modo abbiamo evitato che certe zone registrassero un’eccessiva concentrazione di cacciatori, con gravi conseguenze per l’attività venatoria».

«Questo – prosegue il primo cittadino – è un risultato condiviso, al quale hanno contributo anche i comitati e i cittadini residenti nelle frazioni interessate, che si sono prodigati nella raccolta firme. Quello di ieri sera non è stato solo un momento di condivisione di quella che si può definire una vera vittoria, ma soprattutto è stata un’occasione per confrontarci sulle prospettive future. L’obiettivo, infatti, è quello di proteggere i confini del Parco così come sono oggi e di batterci per mantenere valide le disposizioni della legge Baccelli».

«Auspico – conclude Andreuccetti – di avere al nostro fianco tutte le istituzioni del territorio, anche chi ha votato contro. Soprattutto mi auguro che l’opposizione di Borgo a Mozzano, assente all’incontro di ieri sera, faccia con noi fronte comune per tutelare e proteggere al meglio il nostro territorio».

Estratto da www.lavocedilucca.it/post.asp?id=60126
Stampa Post