Ambito Turistico Garfagnana Media Valle del Serchio alla BIT Milano

Gli ambiti turistici Garfagnana Media Valle del Serchio e Lunigiana si presentano alla Borsa Internazionale del Turismo di Milano, una delle vetrine più prestigiose con tour operator e professionisti del settore da tutto il mondo
Partecipare alle fiere internazionali dedicate al turismo per promuovere il territorio lanciando una nuova immagine e dimensione integrata delle eccellenze che lo caratterizzano. E’ questo uno dei principali obiettivi del Piano Operativo 2020 dell’Ambito Turistico Garfagnana Media Valle del Serchio che, in collaborazione con l’Ambito Turistico Lunigiana ha partecipato alla BIT (Borsa Internazionale del Turismo), storica e prestigiosa fiera internazionale del settore turistico organizzata da Fiera Milano che dal 1980 porta nel capoluogo lombardo operatori turistici e viaggiatori da tutto il mondo.
La manifestazione si è tenuta a Fiera Milano City, nel centro di Milano con la formula che ha visto la prima giornata, domenica 9 febbraio, aperta a tutti e le giornate del 10 e dell’11 febbraio riservate ai professionisti del settore.
Il lavoro di Ambito è iniziato da appena alcuni mesi andando a concretizzare, anche nel nostro territorio, quanto previsto dalla nuova legge regionale del turismo, che sollecita i territori a collaborare - con un coinvolgimento attivo degli operatori economici che si sono dimostrati particolarmente interessati - in dimensione sovracomunale per consentire un sviluppo delle opportunità turistiche anche lontano dai grandi centri urbani. La costituzione dell'ambito permetterà oltre ad una diffusa e capillare informazione anche di accedere alle risorse regionali aggiuntive per il settore erogate dalla Regione Toscana. La forma associata riguarderà le funzioni di accoglienza e informazione turistica di ambito sovracomunale garantendo all'utenza una presenza coordinata sul territorio, servizi più efficaci e l'ottimizzazione dei costi di gestione, con una programmazione adeguata.
La partecipazione, in rappresentanza delle Unioni Comuni Garfagnana, Media Valle del Serchio e Lunigiana, si è realizzata presso lo stand della Regione Toscana allestito dall’Agenzia regionale Toscana Promozione Turistica, una superficie di oltre 400 mq che ha riservato particolare spazio proprio alle eccellenze e operatori degli Ambiti Turistici Omogenei. Per l’occasione, data la continuità in termini territoriali e le potenzialità comuni, si è creata una proficua sinergia con l’Ambito Lunigiana che ha contribuito ad arricchire l’offerta con le proprie tipicità e un buon numero di operatori turistici ed economici del territorio pronti alla promozione congiunta.
In particolare nel giorno di apertura si è tenuta, alla presenza dell’Assessore regionale al Turismo Stefano Ciuoffo, una degustazione dalla straordinaria affluenza del paniere di prodotti più tipici che dalla Lunigiana spaziano alla Garfagnana e a tutta la Valle del Serchio mentre il giorno finale è stato riservato alla presentazione del progetto pilota di Comunità del Cibo e dell’Agrobiodiversità della Garfagnana, prima esperienza a livello regionale e seconda in Italia. Durante le tre giornate si sono avvicendati incontri e scambi di contatti che consentiranno agli operatori, una vota rientrati, di approfondire in maniera mirata le relazioni per veicolare meglio l’offerta territoriale.
“La partecipazione congiunta di questi territori, esperimento pilota a cui ne seguiranno altri, con la sua ricca offerta turistica tra arte, gastronomia, natura e percorsi storici avrà la possibilità di presentare tutte le sue potenzialità e di dimostrare quanto queste siano ancor più complete con una promozione congiunta grazie a questa nuova dimensione di promozione” – afferma Andrea Tagliasacchi, Presidente dell’Unione Comuni Garfagnana, capofila per la gestione dell’Ambito Garfagnana Media Valle del Serchio e coordinatrice di questa iniziativa – “Una Toscana dentro la Toscana che ha intenzione di valorizzare più aspetti, primo tra tutti la sua passione enogastronomica con l’eccellenza dei prodotti tipici e la natura con attività per un turismo lento e all’aria aperta”.

Estratto da www.lavocedilucca.it/post.asp?id=77042
Stampa Post