Più soldi per i sanitari che combattono il Covid

Cerza: “Giusto, dopo tante parole, un riconoscimento concreto. Fieri di essere la prima regione a ottenerlo”. Incentivi da 20 a 45 euro al giorno.

“Dopo tante, sacrosante, parole di apprezzamento per i ‘sanitari eroi’ arriva anche un giusto riconoscimento economico. La Toscana è la prima regione dove siamo riusciti ad ottenerlo e ne siamo fieri.” E’ il commento del segretario generale della Cisl Toscana, Riccardo Cerza, all’accordo sottoscritto oggi pomeriggio con la Regione Toscana, che riconoscerà agli operatori della sanità pubblica toscana, una indennità giornaliera legata ai rischi del Covid-19. Gli incentivi saranno distribuiti su tre fasce, identiche per tutti, indipendentemente dal tipo di qualifica e retribuzione per il periodo legato all'emergenza: 45 euro al giorno per chi sta in area Covid, 25 euro per chi sta vicino all'area Covid e 20 euro per chi è in area no Covid.

“Quanto previsto in questo accordo – prosegue Cerza – è il giusto riconoscimento per la grande mole di lavoro, per i rischi corsi e l’abnegazione dimostrata in modo encomiabile da questi lavoratori. Ora continueremo a lavorare per ottenere un analogo riconoscimento economico anche per gli operatori della sanità privata e delle Rsa.”


Questo post ha 5 commenti

Estratto da www.lavocedilucca.it/post.asp?id=78386
Stampa Post