Riconquistiamo il diritto alla salute

Il prossimo 1 Luglio, prende il via, con una specifica conferenza telematica, la campagna “Riconquistiamo il diritto alla salute”, promossa da un rilevante arco di forze della sinistra di classe.

Tale campagna, ricercando la più ampia unità d’azione con tutte le realtà politiche, sindacali e sociali interessate, si articola attraverso una raccolta di firme (online, sulla piattaforma Change.org/riconquistiamo-salute e direttamente nelle piazze d’Italia) a sostegno di una petizione popolare per una sanità pubblica, universale, laica, gratuita.

La risposta, necessaria e possibile, alla crisi del nostro Servizio Sanitario Nazionale, provocata dalle politiche dei governi di centrodestra, centrosinistra, tecnici, che in rappresentanza del capitalismo si sono succeduti alla guida del Paese.

Politiche decennali di tagli, di riduzione di ospedali, posti letto, servizi territoriali, personale, politiche che hanno progressivamente dismesso ciò che era pubblico a favore di un privato largamente parassitario.

Una crisi che la pandemia da coronavirus ha drammaticamente evidenziato, e che ha inevitabilmente contribuito a determinare la morte di migliaia di persone e di oltre duecento lavoratori della sanità.

E' necessario cambiare radicalmente direzione, dire basta a questo stato di cose.

Per queste ragioni prende il via la campagna “Riconquistiamo il diritto alla salute”: proposte chiare, fattibili, sostenibili, perché la salute non sia una merce, ma un diritto, per tutte e tutti!

Ringraziando per l’attenzione, distinti saluti.



Democrazia Atea, Fronte Popolare, La Città Futura, Partito Comunista dei Lavoratori, Partito Comunista Italiano, Partito della Rifondazione Comunista, Partito Marxista-Leninista Italiano, Potere al Popolo, Risorgimento Socialista, Sinistra Anticapitalista.

Estratto da www.lavocedilucca.it/post.asp?id=80252
Stampa Post