Da lunedì 23 nuova distribuzione di mascherine a Pieve a Nievole

Diolaiuti “Evitiamo assembramenti, le daremo a tutti”

Dopo qualche settimana dalla precedente distribuzione straordinaria di mascherine, l’amministrazione comunale di Pieve a Nievole ha organizzato una nuova iniziativa legata alla consegna ai cittadini dei dispositivi di protezione sanitaria, che si concluderà sabato 28 novembre e avrà più o meno le medesime modalità operative della distribuzione di ottobre.


Le mascherine, circa 45mila, saranno consegnate da dipendenti comunali, per zone, da lunedì 23 novembre, ogni mattina, dalle 9 alle 13.


Per avere diritto al ritiro delle mascherine, che provengono dalla regione Toscana e sono cinque per ogni persona, è necessario presentare il codice fiscale del capofamiglia, anche attraverso la tessera sanitaria, e i dispositivi di protezione possono essere ritirati anche da un qualunque altro componente della famiglia per tutti gli altri, presentando il proprio documento di identità.


I residenti della zona nord della ferrovia, conosciuta anche come sopra verga, dovranno recarsi al centro sociale per anziani in via Bonamici, nei pressi del passaggio a livello, dove dovranno andare anche gli abitanti di via Don Minzoni e via Roma.


I residenti della zona sud, a sinistra del fiume Nievole, avendo alle spalle il centro del paese, per ritirare i dispositivi dovranno andare alla Casetta del Verde Pubblico attrezzato di via Empolese, Cantarelle.


I residenti nella zona a sud della ferrovia, a destra del fiume Nievole, dovranno ritirare le mascherine presso la biblioteca comunale in via Marconi 271.


Il comune di Pieve a Nievole ha pensato anche a chi si trova in isolamento domiciliare per COVID e impossibilitate a delegare un parente o un conoscente. Chi si trova in questa condizione potrà ritirare le mascherine presso la polizia municipale telefonando al numero 0572956380, a guarigione avvenuta o ad isolamento fiduciario terminato. Allo stesso modo potranno ottenere le mascherine gli anziani o i cittadini “fragili”.


“Abbiamo cercato di suddividere nel modo migliore le varie zone e abbiamo diluito in una settimana intera la distribuzione proprio per evitare assembramenti di qualunque natura –conferma il sindaco di Pieve a Nievole Gilda Diolaiuti-. Per chi ha problemi particolari c’è la polizia municipale e comunque il numero di dispositivi è notevole e basta per tutti. Invito quindi i cittadini a venire a rifornirsi, ma seguendo scrupolosamente le norme anticontagio”.

Estratto da www.lavocedilucca.it/post.asp?id=82959
Stampa Post