Vertenza Biblioteca Statale di Lucca: La Fp Cgil incontra il Prefetto

Nella giornata di Venerdì 22 la delegazione della Funzione Pubblica CGIL di Lucca e della Toscana, guidata dalla Segretaria Regionale Giovanna Lo Zopone, ha incontrato il Prefetto di Lucca Dr. Francesco Esposito.
L’incontro, franco e cordiale, ha dato modo alla FP CGIL di esprimere la propria preoccupazione e le proprie valutazioni in merito alla vicenda che rischia di condurre la Biblioteca Statale di Lucca verso la chiusura.
Il Prefetto, che per suo conto aveva già acquisito le necessarie informazioni ed avviato le opportune interlocuzioni con le istituzioni coinvolte, ha reso partecipe la delegazione FP CGIL degli interventi fatti e delle ulteriori azioni che - quale organo di Governo sul territorio provinciale - potrà porre in essere.
Il Dr. Esposito, apprezzando e valorizzando il ruolo di rappresentanza del mondo del lavoro, ha poi espresso la convinzione che l’azione sinergica tra ruolo istituzionale e ruolo sindacale possa allontanare il rischio di chiusura per la Biblioteca.
Per proprio conto la FP CGIL, ferma restando l’urgenza di porre in essere ogni intervento straordinario per assicurare alla città di Lucca il mantenimento di una struttura di straordinario valore quale la Biblioteca Statale, ha poi rivendicato la necessità di mantenere pienamente nel perimetro pubblico i servizi culturali anche in termini di assunzione degli organici.
Al netto delle valutazioni politico-sindacali sulle quali, ovviamente, la FP CGIL non ha cercato la condivisione del massimo organo istituzionale del territorio, sono apparsi evidenti l’attenzione e l’impegno con cui il Dr. Esposito si è da subito fatto carico della vertenza della Biblioteca Statale.
Il profilo istituzionale, l’evidente sentimento da “servitore dello Stato”, la disponibilità all’ascolto ed al confronto dimostrate dal Sig. Prefetto, consentono di poter guardare con fiducia alla possibilità che Lucca ed il suo territorio continuino a vedere la presenza della Biblioteca Statale.
Ora sta ai soggetti politici - del territorio, dei vertici ministeriali, dell’Esecutivo - andare oltre i proclami per individuare gli interventi di somma urgenza, prevedere una strategia di valorizzazione del nostro immenso patrimonio culturale, reperire e disporre le risorse necessarie a breve, medio e lungo termine, affinché la città di Lucca non debba mai rinunciare alla Biblioteca Statale. E’ da anni che la FP CGIL chiede una campagna straordinaria di assunzioni, proprio perché la carenza di personale pubblico è molto diffusa, soprattutto negli enti statali sul territori.

Estratto da www.lavocedilucca.it/post.asp?id=84223
Stampa Post