• 1 commenti
  • 06/01/2024 15:22

La doppia morale del PD.


I movimenti Pro Putin hanno programmato quattro deplorevoli iniziative per confondere le coscienze degli Italiani: a Lucca, a Modena, a Milano e Bologna.

Una organizzata opera di controinformazione a favore del criminale ricercato, Putin.

Su Lucca il PD ha subito attaccato il Sindaco Pardini, nonostante sia una iniziativa privata e in un luogo privato e che il Sindaco abbia preso le distanze da quell’evento, dichiarando esplicitamente che nessun sostegno è stato e sarà dato.

Su Modena, Sindaco PD, un evento, ancor più provocatorio pro- Putin, è previsto in una sala civica e pubblica del Comune e il PD e il Sindaco hanno dichiarato che faranno accertamenti per vedere se la concessione comunale è in regola.

Cosa avrebbe fatto il PD su Lucca se la sala fosse stata concessa dal Comune come a Modena?

Ugualmente non abbiamo visto ad oggi iniziative del PD per gli eventi di Milano e Bologna, che guarda caso con Modena hanno tutti Sindaci di sinistra.

Vediamo levarsi altre voci per chiedere che l’evento lucchese sia oscurato: i Riformisti condividono questa richiesta, da estendersi anche agli eventi di Modena, Milano e Bologna.

Ove non sia possibile giuridicamente impedire questi eventi, visto che il Convegno lucchese si dovrebbe svolgere nel “Giorno della Memoria” sacro a tutti, chiediamo al Sindaco di Lucca di mettere in campo, ancor più numerosi e importanti eventi celebrativi della Memoria, a oscurare mediaticamente quel Convegno, a sostegno del barbaro aggressore Putin.  

Francesco Colucci, Riformisti 

I commenti

Skip to main content
APRI IL MENU DI NAVIGAZIONE
Wired Italia
EVENTI
Scienza
Economia
Cultura
Gadget
Security
Diritti
Idee
Video
Podcast
Wired Consiglia
L’Italia si presta ancora una volta a sostenere la propaganda della Russia, dopo ormai due anni dall’inizio dell’invasione su larga scala dell’Ucraina. A una settimana di distanza, il 20 e il 27 febbraio, a Modena e Lucca si terranno due conferenze autorizzate dai rispettivi comuni a cui parteciperanno noti filorussi italiani, autorità della Federazione russa e anche Alexandr Dugin, teorico politico del leader Vladimir Putin.

La conferenza di Modena
A Modena, l’associazione culturale Russia Emilia Romagna è riuscita anche a ottenere una sala comunale per la conferenza “Mariupol, la rinascita dopo la guerra”. Un evento che cerca di spacciare la devastazione e i crimini di guerra commessi nella città ucraina come “simbolo della rivolta popolare del Donbass contro la giunta di Kiev, città martire dell’occupazione banderista durata 8 anni, che affronta ora un veloce processo di ricostruzione sotto l’egida delle Istituzioni della Federazione Russa di cui è divenuta parte integrante”.

A queste si aggiungono le parole chiave della propaganda anti-ucraina, cioè la definizione di Mariupol come parte della Russia, riconosciuta come tale solo dalla Corea del Nord, l’inesistente “rivolta popolare” del Donbass del 2014 e la teorica “occupazione banderista”, usate per giustificare l'invasione su larga scala del 2022, usando un rimando al nazionalista ucraino Stepan Bandera, collaborazionista dei nazisti dopo essere stato internato nel lager di Sachsenhausen e figura di spicco nella resistenza contro il regime sovietico.

VIDEO

Ares Modena: la tecnologia nel design delle supercar


Mariupol è stata quasi completamente rasa al suolo dalle truppe di occupazione russe. Simbolo della brutalità e dei crimini di guerra è il famoso bombardamento del teatro di Mariupol, nei cui sotterranei si erano rifugiate famiglie con minori. Inoltre, dalla città sono stati deportati tantissimi giovani ucraini che ancora si trovano in Russia in centri di “rieducazione”.

Alla conferenza organizzata a Modena parteciperanno il console generale della Russia in Italia, Dmitry Shtodin, ed Eliseo Bertolasi, ex parà della Folgore ricercato dal governo ucraino e sotto sanzioni per aver partecipato come osservatore ai referendum farsa tenuti nei territori occupati dell’Ucraina orientale a settembre 2022. Assieme a loro ci sarà anche Andrea Lucidi, attore di punta della propaganda filorussa in Italia.

Post filorussi di Andrea Lucidi (Foto: Twitter/Kevin Carboni)
La conferenza di Lucca
A Lucca invece, la conferenza “Verso un nuovo mondo multipolare” è stata organizzata dall’associazione Vento dell’est, guidata Lorenzo Berti, ex di CasaPound e a oggi tra le fila della Lega. Con lui anche Giorgio Bianchi, reporter filorusso negazionista del massacro di Bucha, ma soprattutto Alexandr Dugin, che interverrà in videoconferenza da Mosca.

Filosofo neofascista, Dugin è riconosciuto come il teorico politico di Putin, anti-occidentale, omofobo e fondatore, negli anni Novanta, del partito Nazbol, che sta per nazional-bolscevico. Il 20 agosto del 2022 è scampato a un attentato organizzato dai sevizi segreti ucraini alla periferia di Mosca, dove è invece rimasta uccisa la figlia Darja.

Le storie da non perdere di Wired

Enzo - 08/01/2024 14:54

Gli altri post della sezione

Tanto per chiarire

La gente si domanda se l'a ...

Il tettoione

Il tettoione sarà un rude ...