• 0 commenti
  • 10/05/2024 17:37

Disegnare nel Mondo

Disegnare nel Mondo. 
Mostra dei lavori realizzati dagli studenti del Liceo artistico musicale A. Passaglia di Lucca durante il laboratorio con l’artista Mario Airò per il progetto Nel paesaggio dell’arte, a cura e promosso da Sentiment of Beauty ODV 


14 e 15 maggio
inaugurazione martedì 14 maggio ore 12:00 
martedì 14 maggio ore 12.00 -18.30
mercoledì 15 maggio ore 10.30 - 18.30
Orto Botanico - Casermetta San Regolo, Lucca
Ingresso libero dalle Mura Urbane


Il 14 e 15 maggio – con inaugurazione martedì 14 maggio alle 12:00 – nella Casermetta San Regolo dell’Orto Botanico di Lucca (ingresso libero dalle Mura Urbane), Disegnare nel Mondo, mostra finale dei lavori realizzati dagli studenti del Liceo artistico musicale A.Passaglia di Lucca, seguiti dai loro docenti, frutto del laboratorio con l’artista Mario Airò.

Airò, tra gli artisti più importanti nel panorama italiano, ha condotto il 15 e il 16 aprile un laboratorio all’Orto Botanico di Lucca, in cui ha condiviso la propria pratica artistica con gli studenti della 3A del Liceo Passaglia, partendo da un’idea di relazione con gli elementi naturali attraverso il disegno. Un segno che non resta legato a un foglio o una tela bianchi ma che si inserisce nel contesto in modo armonico, partendo dall’osservazione e la registrazione fotografica. Un modo di lavorare che, secondo l’artista, conduce a “stupori, meraviglie, seduzioni che acuiscono il nostro sentire e ci inducono a com-prendere (non capire!) l’attorno” attraverso segni di luce, piccole animazioni e creando una reale connessione tra arte e natura. Sono state realizzate quindi fotografie all’interno dell’Orto Botanico, rielaborate con disegni e animazioni – su ispirazione del lavoro di Airò –, raccolte poi in un video con un accompagnamento sonoro originale realizzato da uno degli studenti, Giorgio Meschi.

È di Mario Airò l’immagine guida di questa edizione del programma per le scuole “Nel paesaggio dell’arte” – Watercolour, 2021 – l’installazione luminosa site specific realizzata nella laguna di Orbetello attorno all’antico Mulino Spagnolo per Hypermaremma. L’arte di Airò si trasforma in paesaggio e trasforma in poesia il paesaggio. 

Mario Airò nasce a Pavia (1961). Vive e lavora tra Genova e Milano. Dopo gli studi a Milano con Luciano Fabro, con altri artisti ha animato lo spazio autogestito di Via Lazzaro Palazzi nella prima metà anni ’90. Da diversi anni è docente del Laboratorio di Arte presso la Facoltà di Arti e Design dello IUAV di Venezia. Gli interventi di Mario Airò nascono per lo più con l’intento di indurre nello spettatore stati d’animo e sensazioni fortemente emotivi. Composte da oggetti, immagini, testi, suoni e fonti luminose giocano sulla delicatezza, sull’effetto incantatorio e seducente per trasformare gli ambienti espositivi in spazi mentali avvolgenti, irreali, capaci, nella loro insistita perfezione, di restituire il senso di una vita sognata più che vissuta. Parte integrante dei suoi omaggi all’esistenza è anche la cura della ricerca culturale che sta dietro alle opere, come background non esibito ma spesso molto profondo. Senza mai privilegiare alcuna tecnica, Airò incarna un modo di concepire il linguaggio artistico privo di ogni dogma e libero di agire in modo flessibile. Tra le più importanti esposizioni cui ha partecipato si segnalano: Moscow Biennale of Contemporary Art, Mosca (2005); 51. Esposizione Internazionale d’Arte La Biennale di Venezia (2003); Kwangju Biennale (Corea 2004); 47. Esposizione Internazionale d’Arte La Biennale di Venezia (1997).

Sentiment of Beauty odv, anche in questo evento che chiude il programma dell’anno scolastico – realizzato con il Liceo artistico musicale Passaglia in collaborazione con l’Orto Botanico di Lucca, – esprime la sua vocazione di associazione il cui scopo è quello di mettere in relazione i musei, le istituzioni culturali e le scuole.

Gli altri post della sezione

Pa(E)(S)saggi

Pa(E)(S)saggi Da domenica ...