• 4 commenti
  • 12/05/2024 10:58

Se vuoi la pace preparati alla guerra

Secondo me ci sono due livelli di non belligerante. Livello uno: ho coscienza che la guerra non è una cosa da videogiochi, è una MERDA, ma so che è indispensabile in rari e incivili casi, quindi mi tengo un esercito, e siccome disse Churchill è un suicidio prendere parte ad una qualsiasi guerra senza la più assoluta e ben pianificata volontà di vincerla, faccio in modo che il mio esercito sia pure bello grosso. Però so che la guerra significa stupri, bombardamenti, crisi economica, caos per le strade, e ragazzi dell'età dei miei figli sventrati dalle bombe, non solo non la inizio, ma se possibile faccio di tutto per risolvere le cose pacificamente perfino se un altro la inizia. Se poi questo è fuori di testa e vuole la guerra a tutti i costi, beh un tiranno va fermato, e io ho giusto qui da parte un enorme esercito che potrebbe risultare utile allo scopo... Livello due: rifiuto così tanto la violenza che mi astengo dall'avere un esercito. So che questo mi rende alla mercé dei prepotenti ma non ci posso fare niente, sogno un mondo che si è lasciato la violenza alle spalle così come abbiamo smesso di sacrificare persone sugli altari nell'illusione di compiacere gli dèi. Per me la violenza è altrettanto ridicola e fuori dal mondo: se il mio pacifismo farà di me una preda, me ne fotto, sarò un martire in nome dei miei ideali. Io appartengo al livello UNO. L'ipotetica nazione LGBT+ di cui si parlava all'inizio in questo articolo sarebbe di livello DUE. Io penso che una nazione di livello uno potrebbe, in caso di arrivo di un tiranno maligno, usare il proprio esercito per difendere le nazioni di livello due. Uno potrebbe dire, che si risolvano i loro problemi da soli, che si facciano un esercito tutto loro, ma chi capisce la violenza fino in fondo, chi l'ha vista, subita e se costretto anche inflitta, sarebbe felice di caricarsi il peso del mondo sulle spalle pur di vedere qualcuno vivere senza doverla mai nemmeno considerare, la violenza. Non vedrebbe costoro come ipocriti, ma come il popolo del futuro: lui porterebbe su di sé il carico della violenza restante, in caso di guerra, così che altri possano vivere di sola pace. Io, come ho già detto, non avallo l'omosessualità, secondo me, anche al di là della riproduzione, c'è qualcosa di sacro nell'impulso che spinge maschio e femmina uno verso l'altra, così sacro che (prego non rida, sono MOLTO serio) per me andrebbe sdoganata e di molto la pornografia, e andrebbe perfino abolito il reato di atti osceni in luogo pubblico, punendo chi disturba la quiete cittadina certo, ma senza più porre il pudore come valore da difendere, poiché il sesso è qualcosa di divino, e va liberalizzato, e perfino incoraggiato (purché sia tra maschio e femmina). Però non sono un invidioso né un discriminatore: io ho il diritto di essere scettico sull'omosessualità, ma non ho (né lo vorrei!!!) il diritto di ostacolare la loro libertà, anzi! Sogno un mondo di libertà. In un mondo simile, se tutti i gay volessero fare una nazione isolata, e decidessero di rinnegare del tutto la violenza, il mio rispetto per una simile scelta mi porterebbe a dire, in caso di guerra, difendiamoli noi, non abbandoniamoli a se stessi, la loro scelta di essere senza un esercito va vista come qualcosa di nobile, non di codardo, spalleggiamoli, aiutiamoli, proteggiamoli. Dopo, ognuno di nuovo a casa propria.

(commento tratto da "nazionalismo gay"

I commenti

A prescindere dallo scritto, è sotto il sole che oggi "la Storia insegna che la Storia non insegna nulla' di Alessandro Manzoni oppure che è lo stesso "L'esperienza insegna che gli uomini dall'esperienza non hanno mai imparato nulla." di George Bernard Shaw.
Infatti come il Mondo sa, la Storia dei sei milioni di morti dell'Olocausto, o anche la Storia delle migliaia di persone perseguitate e infilate nei campi di concentramento perchè "omosessuali" o come li volete chiamare, quelle Storie, sono finite con....lancio di mazzi di fiori!
Mi raccomando il prosciutto, ed i tappi, non ve li scordate!

... - 13/05/2024 11:22

...se dovesse essere una nazione 1 come l'Italia a dover difendere una nazione gay di tipo 2, allora povera nazione gay! L'Italia è talmente egoista e priva di onore che, pur di non combattere, non difenderebbe mai nessuno. I fatti attuali lo confermano in pieno.

Anonimo - 12/05/2024 23:26

Poi ribloggato da qualcuno come articolo.

Per rispondere a "livello due":

Se lei fosse (non è un insulto, è una domanda retorica, il tono conta quanto la grammatica) una persona che ha visto la guerra da dentro, non vorrebbe che via via sempre più nuove generazioni crescano senza averla vista? Quelli come lei e come me, se fossimo nazioni, avremmo ancora eserciti, certo: ma via via le altre nazioni ne avrebbero sempre meno, e scivoleremmo quasi senza accorgercene, verso un mondo di pace.

Forse però sono un po' ingenuo. Io ho speranza nello scenario che le ho descritto, ma accolgo la sua critica.

anonimo - 12/05/2024 14:13

Se fossero stati al Potere in Europa i 'Livello due' al posto della diverse bandiere europee ne sarebbe sventolata una con croce uncinata. Anche Oggi.
E l'Europa invece di essere 450 milioni di persone, sarebbe 225 milioni di vivi e 225 milioni di morti ammazzati.
In Italia ci sarebbe ancora il sabato fascista, i gay o in carcere o sottoterra,
e probabilmente non sarei mai nato, visto che gli italiani erano considerati 'razza inferiore'.

... - 12/05/2024 11:53

Gli altri post della sezione

Capannori e Lucca

anche se ad alcuni ultras ...

L'Anpi presenta

Difendere Lucca da Casapou ...

Biglietti gratis?

Ho visto sulla pagina face ...

Ragazzi che caldo!!

 Oggi ho fatto un giretto ...

SUK lucense

In un centro storico sot ...