• 7 commenti
  • 13/05/2024 19:24

Centrosinistra: “Invitiamo il Sindaco Mario Pardini a lavorare a soluzioni condivise sull’intitolazione della sala consiliare di Palazzo Santini .....

Centrosinistra, no a forzature sulle intitolazioni: “Invitiamo il Sindaco Mario Pardini a lavorare a soluzioni condivise sull’intitolazione della sala consiliare di Palazzo Santini e sulle altre sale dei palazzi comunali.” 


Di fronte all’intenzione annunciata dall’amministrazione Pardini, esplicitata durante le precedenti della commissione toponomastica, di intitolare la sala consiliare a Mauro Favilla e la sala convegni dell’Agorà a Vincenzo Placido, l’opposizione di centrosinistra, rappresentata in quel consesso dalla consigliera Ilaria Vietina, chiede di evitare forzature e decisioni frettolose. 


La decisione infatti, è prevista per domani (martedì 14 maggio) durante una seduta della Commissione Toponomastica ma l’opposizione, a ranghi compatti, chiede di seguire un percorso diverso. 


“Se è intenzione dell’Amministrazione procedere all’intitolazione di queste sale - spiegano i gruppi di centrosinistra (PD, Lucca Futura, Sinistra con Lucca-Sinistra Civica Ecologista, Lucca è un grande Noi, Lucca Civica, Lib-Dem) - chiediamo che si affronti questo processo dando vita ad una dibattito trasparente e soprattutto pubblico affinché si possa arrivare alla scelta di personalità trasversali e ampiamente condivise che, stante la grande rilevanza politica e simbolica dell’atto, abbiano la capacità di essere pienamente riconosciute da tutte le diverse sensibilità cittadine. Chiediamo inoltre che la Commissione Toponomastica non sottoponga al Consiglio un nome secco, bensì una rosa di personalità illustri tra cui operare la scelta. 


A questo proposito alcuni dei nostri rappresentanti in Consiglio Comunale hanno sottoposto all’attenzione della Commissione alcuni nomi che senz’altro meritano di essere presi in considerazione con la giusta attenzione e il dovuto tempo. Pensiamo ad esempio a Gino Baldassarri, primo sindaco dopo la Liberazione; o a Lucia Sonnenfeld, prima donna eletta consigliera comunale; oppure a Giovanni Martinelli, apprezzato sindaco degli anni sessanta, che per primo portò i Comics nella nostra città. E ancora Silvana Sciortino, per tanti anni capogruppo del principale partito della sinistra italiana; o Giulio Lazzarini, protagonista di una stagione di risanamento dell’Ente comunale, o il Comitato di Liberazione di Lucca, all’interno del quale tutte le forze politiche repubblicane diedero il loro contributo per riavviare la democrazia nella nostra Città. Insomma, questa potrebbe questa essere l’occasione per decidere in modo condiviso su un tema legato alla nostra memoria e alla storia. Invitiamo, pertanto, il sindaco Mario Pardini a coglierla senza farsi solleticare dalla tentazione di fare, su questo tema, un’operazione di parte.” In particolare, sui nomi circolati fino ad oggi i gruppi di centrosinistra esprimono alcune perplessità di metodo e di merito “Innanzitutto - proseguano - riteniamo che, diversamente dalle strade e dalle piazze, i luoghi simbolo di una collettività e che ne rappresentano un “unicum” (e tra questi senza dubbio rientrano l’aula consiliare ed alcuni importanti palazzi comunali) dovrebbero essere associati a personaggi su cui non solo si è consolidato un giudizio storico trasversale, ma che possono anche rappresentare pezzi di storia consolidata nei quali si possa riconoscere, se non la totalità, almeno la stragrande maggioranza della popolazione interessata. Non ci sembra questo il caso. E, in ogni caso, non prima di un ampio dibattito pubblico e non dopo una discussione che avviene nel silenzio e al chiuso di una Commissione nella quale si rispecchiano indiscutibilmente equilibri politici figli dell’attuale maggioranza pro tempore. Una Commissione che ha pieno diritto a discutere sugli aspetti di competenza ma che, in questa particolare occasione, riteniamo dovrebbe fare particolare attenzione al metodo col quale questa decisione viene proposta alla città. Per tutte queste ragioni, invitiamo l’amministrazione comunale a prendersi del tempo, a pubblicizzare adeguatamente la propria intenzione di intitolare questa o quella sala, a evitare di predisporre scelte secche con modalità da “prendere o lasciare” e, soprattutto, a valutare anche altre illustri personalità che fanno parte, e a pieno titolo, della nostra storia cittadina e sulle quali la discutibile valutazione politica dei contemporanei si è consolidata in un ben più pregnante e decisivo giudizio storico”.

I commenti

io la intitolerei a Moana Pozzi, che ci ha aiutato tanto...

Anonimo - 16/05/2024 14:47

Ci sonno cose più importanti da fare

Anonimo - 16/05/2024 14:41

Sarà un grosso problema che impegnerà moltissimo i politici, quindi lasciamoli lavorare.

Anonimo - 15/05/2024 07:04

Intitolatela ai Micci di Lucca.

………… - 15/05/2024 07:03

La Commissione Toponomastica sta diventando il luogo di una permanente, patetica, batracomiomachia. Un luogo di " distrazione di massa".

Roberto Panchieri - 14/05/2024 12:17

L'aula del Consiglio, come il Palazzo Comunale, non possono essere intitolati a nessuno!! Si tratta di logica. Ma come si fa ad intitolare ad un cittadino l'aula dell'assemblea rappresentativa???? Mauro Favilla era ottima persona, non meno di quelle da voi qui citate. Il problema non è la persona "di parte", giacché Mauro non era di parte, ma un grande sindaco, il problema è che intitolare l'aula del Consiglio ad un cittadino, sia esso un santo, un poeta, un navigatore, un medico che ha scoperto la cura per la peggiore delle malattie, è sbagliato. L'aula dell'assemblea è un luogo sacro del sistema rappresentativo (non solo della democrazia, in generale del sistema rappresentativo!!) e non può, per sua natura, portare il nome di un singolo. L'aula si qualifica in se stessa; da sola. L'aula è di qualsiasi cittadino e per questo non può portare il nome di un cittadino!!!! Gli USA hanno una capitale che si chiama Washington, ma non hanno un'aula Jefferson o un palazzo Lincoln. I motivi sono ovvi.

Anonimo - 14/05/2024 02:17

Da questi sciamannati del terzo millennio e compagnia farneticante mi aspetto come minimo anche idee non divisive, cose tipo "Sala Andrea Palmeri", "Sala Idreno Utimpergher" o "Sala Carlo Scorza" per fare solo un paio di esempi.

Anonimo - 13/05/2024 19:41

Gli altri post della sezione

Tanto per chiarire

La gente si domanda se l'a ...

Il tettoione

Il tettoione sarà un rude ...