• 0 commenti
  • 01/08/2022 16:34

Faremo di tutto per salvaguardare Gesam dal tentativo di svendita da parte dell’attuale presidente della società

“Faremo di tutto per salvaguardare Gesam dal tentativo di svendita da parte dell’attuale presidente della società in linea con l’amministrazione Tambellini”
“La sfida cui siamo chiamati, insieme al sindaco Pardini, impone di rivedere in maniera radicale l’organizzazione e le politiche di sviluppo delle società partecipate”

Lucca 01/08/2022 – “Faremo di tutto per salvaguardare Gesam dal tentativo di svendita da parte dell’attuale presidente della società in linea con l’amministrazione Tambellini”. Lo dichiarano il Consigliere regionale di Fratelli d’Italia Vittorio Fantozzi ed il coordinatore comunale Marco Martinelli, che tornano sull’argomento partecipate da sempre cavallo di battaglia del partito di Giorgia Meloni.

Come Fratelli d’Italia non abbiamo mai condiviso la politica di gestione delle società partecipate adottata da Tambellini e dai suoi presidenti. Per anni ci siamo scontrati in Consiglio Comunale per difendere questo grande patrimonio che appartiene a Lucca e dalle intenzioni di svendita della precedente amministrazione comunale. Siamo riusciti a scongiurare l’ipotesi di scissione asimmetrica di Gesam Spa, ideata nel lontano 2015 dalla Giunta Tambellini facendo sì che questa operazione fosse radicalmente rivista, mantenendo, contrariamente all’ipotesi originaria, la maggioranza di Gesam in mano a Lucca Holding senza cederla al socio privato Toscana Energia –ricordano Fantozzi e Martinelli- Tuttavia, sino a dicembre scorso, Tambellini e gli attuali amministratori della società, hanno promosso un ulteriore percorso da far intraprendere alla nostra società, finalizzato alla cessione della maggioranza delle azioni a Toscana Energia. Ancora una volta, questa operazione ci è stata descritta, in Commissione partecipate, come “l’unica soluzione possibile”. Film già visto. Un’ operazione che determinerebbe l’ennesimo depauperamento del

nostro Comune, in quanto verrebbe ceduto il controllo della società in mano al socio privato di Toscana Energia (Italgas). Non siamo riusciti, ad impedire la vendita di Gesam gas & luce, che ad oggi è di proprietà di un privato, con enorme impoverimento del tessuto economico del territorio lucchese”.

     “Su questa partecipata ci siamo sentiti dire da questi amministratori che “altre soluzioni non ci sono”, “ce lo impone il decreto Madia”. Mentre noi, studiando e leggendo bene le carte, abbiamo scoperto che il parere legale posto a suffragio dell’operazione si riferiva alla dismissione di quote di un Centro Termale. Situazioni simili, non devono più accadere, dobbiamo voltare pagina. La sfida cui siamo chiamati, insieme al sindaco Pardini, impone di rivedere in maniera radicale l’organizzazione e le politiche di sviluppo delle società partecipate” sottolineano Fantozzi e Martinelli.

Gli altri post della sezione

Il pulpito

"" “Non mi sembra un buo ...

Cosa farà ora Marcucci?

La non rielezione del ex s ...

Io ho votato

Poter esprimere liberament ...