• 3 commenti
  • 20/08/2022 00:12

Vediamo di andarci piano con le accuse idiote

anche se a Lucca ha vinto il centrodx, sappiate che la Sig.ra senatrice Segrè è amata e rispettata da gran parte della cittadinanza per il simbolo che essa è diventata dell'antifascismo più puro e nobile. Chissenefrega se il marito è stato o meno candidato nel MSI! CHISSENEFREGA, capito? Sappiate che non ce ne frega proprio niente, e la stima per la senatrice Segrè resta intatta per la maggior parte delle persone civili di questa città. Niente e nessuno, dunque neanche voi destrorsi che vi contorcete pur di gettarle fango addosso, potrà delegittimare l'immagine pulita e nobile della sig.ra Segre e ciò che ha sofferto negli infami campi di sterminio nazisti, che invece forse piacciono così tanto a qualcuno che qui interviene a sproposito, e che si dovrebbe solo VERGOGNARE.

I commenti

Certo chi se ne frega, ma chi se ne frega anche della fiamma sul simbolo, mi sembra proprio un problema veramente di bassa priorità e scarsa importanza.

Anonimo - 22/08/2022 09:03




Il meglio delle notizie de Il Riformista









Chi era Alfredo Belli Paci, il marito di Liliana Segre: dalla candidatura col Msi alla polemica con Giorgia Meloni
Redazione — 13 Agosto 2022




La senatrice a vita Liliana Segre, deportata e internata per oltre un anno nei campi di concentramento nazisti, ha chiesto ieri a Giorgia Meloni di togliere la fiamma tricolore, già simbolo del partito di ispirazione neofascista Movimento Sociale italiano, dal simbolo di Fratelli d’Italia. Il partito traina la coalizione di centrodestra, favoritissima per la vittoria alle elezioni politiche del prossimo 25 settembre, con Meloni che potrebbe diventare la prima donna Presidente del Consiglio della storia della Repubblica italiana. La polemica, dopo la richiesta di Segre, ha messo al centro la figura del marito della senatrice Alfredo Belli Paci, morto nel 2007, che si candidò proprio sotto il simbolo del Movimento Sociale Italiano.

È sempre di fascismo che si parla insomma: di fascismo e neofascismo, di quel lascito, con il centrosinistra ad additare il partito di Meloni per quelle influenze e quei riferimenti. “Nella mia vita ho sentito di tutto e di più, le parole pertanto non mi colpiscono più di un tanto. A Giorgia Meloni dico questo: inizi dal togliere la fiamma dal logo del suo partito. Partiamo dai fatti non dalle parole e dalle ipotesi”, ha scritto su Pagine Ebraiche Segre.

A risponderle un coro di voci dal centrodestra. Per esempio Ignazio La Russa, che ha spiegato come la fiamma non sia un simbolo fascista e che ha ricordato la candidatura di Belli Paci proprio con l’Msi. “Spero, inoltre, di non essere irriguardoso nel ricordare che il marito della stessa senatrice Segre, che ho personalmente conosciuto e apprezzato, si candidò con Almirante sotto il simbolo della fiamma con la scritta Msi senza ovviamente rinunciare alla sua lontananza dal fascismo”.

Il caso della candidatura di Belli Paci viene spesso rispolverato quando si tratta di Liliana Segre, quando la senatrice parla di fascismo, razzismo, antisemitismo, quando attacca la destra. Belli Paci nacque nelle Marche e visse a Milano. Entrò nell’esercito dopo aver frequentato l’accademia militare di Livorno. Fu sottotenente d’artiglieria in Grecia, rinunciò ad aderire alla Repubblica Sociale Italiana quando fu catturato dai tedeschi. Rimase fedele al re. Fu internato e girò sette campi di prigionia. Poi si laureò in giurisprudenza e intraprese il mestiere di avvocato.

Segre e Belli Paci si incontrarono a Pesaro, lui aveva dieci anni in più di lei, colpita dalla somiglianza di quel giovane con il padre Alberto Segre. “Ci fu uno sguardo complice, pochissime parole. Un paio di giorni dopo notò il mio numero sul braccio. Io so cos’è, mi disse e lui mi raccontò che, avendo scelto di non aderire alla Repubblica Sociale, aveva trascorso due anni in sette campi di prigionia nazisti. Alfredo Belli Paci era uno dei seicentomila militari internati in Germania”, ha raccontato Segre a Che tempo che fa?.

I due si sposarono nel 1951 e fino alla morte di lui, nel 2007, vissero insieme. Hanno avuto tre figli: Alberto, Luciano e Federica. Belli Paci, conservatore di destra e antifascista cattolico, presidente di Unione Popolare nazionale, decise di aderire alla lista del Movimento Sociale Italiano – Destra nazionale guidato dall’ex funzionario dalla Rsi Giorgio Almirante. E si candidò come “indipendente” nel 1979 alle elezioni politiche per la Camera dei deputati. Neanche 700 voti.

“Mio marito, che era stato uno che aveva scelto due anni di internamento pur di non stare nella Repubblica sociale, vedendo molto disordine, per un certo periodo aderì a una destra in cui c’era anche Almirante”, ha raccontato la senatrice alla trasmissione di Fabio Fazio. “Io ho molto sofferto e ci fu una grande crisi. A un certo punto misi mio marito e me sullo stesso piano e dovevamo sceglierci di nuovo. O separarci”. A quel punto Belli Paci cambiò idea. “Per fortuna lui rinunciò per amore nei miei confronti a una eventuale carriera politica. E io aprii le braccia a un amore ritrovato e fummo insieme per altri 25 anni”.

Di quelle tensioni e di quei tormenti in famiglia raccontò anche Luciano Belli Paci in un’intervista a Il Giornale. “Ero il segretario provinciale dei giovani del Psdi, poi ho militato nel Psi, nei Ds, in Sd, Sel e infine Liberi e Uguali. Non mi sono spostato io, che resto sulle posizioni di Saragat”. Il padre aveva lavorato con liberali, monarchici e antifascisti a quel progetto chiamato Costituente di Destra poi diventata Democrazia Nazionale. “Non le nascondo che fu un periodo difficile per lei e che la scelta di mio padre portò a delle lacerazioni nei nostri rapporti. Fin quando poi si decise a mollare tutto e a fare l’avvocato, da solo e poi insieme a me”.

Redazione

Il riformista

Ezia - 20/08/2022 17:30

caro signore.
Nessuno infama nessuno. E che nessuno infami mai nessuno.
La signora Segre è, fino a prova contraria, stimatissima cittadina italiana.
Come lo siamo tutti: e ciascuno di noi porta dentro di sé un carico di sofferenze, afflizioni e dolore che sono - parimenti - gravi quanto quelli della signora Segre. il cui status di sopravvissuta ai lager non dà comunque nessun diritto di intervenire - con toni spesso spropositati, talora anche arroganti - su tutti i fatti di questo paese.
Di sicuro molti, tra cui me, la stimano: di sicuro molti mal sopportano richieste e desideri - che spesso qualcuno potrebbe pure scambiare per quasi ordini - che niente hanno a che vedere con il buonsenso ma sembrano dettato solo da acredine politica.
La fiamma del simbolo di Meloni? E la signora Segre, guarda caso, si rinviene proprio sotto elezioni? Dopo 20 anni? Dopo quanti anni che la signora Segre è in parlamento e ne ha dette, più o meno giustamente, di ogni su ogni argomento? No mi scusi, c'è qualcosa che non gira. Che parli Segre o Wiesenthal o Arafat o chi vuole. Questi sono toni sì davvero fascisti: nessuno critichi, nessuno parli. Parla Segre e tutti zitti? No signore, davanti alla assenza non dico di buonsenso - e ci starebbe - ma di un minimo di onestà intellettuale - specie da parte di una donna che, piaccia o no a lei, è più legata ai missini di uno come me (aveva o no un marito missino alto dirigente? Urli quanto vuole ma il caso di ricordarlo non è certo peregrino anzi)visto che la fiamma è nel simbolo da decenni e il sospetto di una polemica strumentale c'è eccome, noi non possiamo e non vogliamo tacere. ma vogliamo educatamente dissentire: e il giorno in cui mi si dirà che un reduce dei lager può dire ciò che vuole senza che nessuno possa CIVILMENTE dissentire, be allora avranno ragione quelli che dicono che le vittime ben hanno appreso dai carnefici.
La signora Segre è persna stimabile: ma non un ette di più di ogni altro stimabile cittadino italiano. E se dice - per me - una castroneria o peggio (come quando parlò di vaccini, green pass e paragoni "inaccettabili" colle leggi razziali del '38) - avrò o no il diritto di CIVILMENTE CONTROBATTERE?
O gli ebrei son diventati tutto un colpo più nazisti dei nazisti? Conto e spero di no, Ma post come i suoi mi fan sorgere dubbi.
Spiacente, l'epoca in cui ciò che qualcuno diceva era buono "a prescindere", è finita. Per me manco è mai iniziatam che parli Segre o Biden o Bergoglio o chi vuole.
Si chiama confronto, si chiama civiltà. Si chiama tolleranza e convivenza. Si chiama vita sociale.
Urli meno e si rilegga: poi provi vergogna, specie per aver buttato in ballo una vittoria elettorale che, si vede e lo ribadisco, non avete proprio digerito.
Consiglio nuovamente malox e metabolismo del lutto.
E lasciate stare le polemiche destra fascista/sinistra democratica: più parlate così più convincete anche noi estranei che i veri fasci siete voi.
E da come vi esprimete, c'è ben poco dubbio.

anonimo - 20/08/2022 15:40

Gli altri post della sezione

L'eredità di Tambellini

Ho trovato queste foto su ...

I tricicli di Bove

Non servono a nulla. Vende ...

10 anni senza idee

Alessandro visto che torni ...

NON SE NE POLE PIU’

Basta basta veramente ques ...

Marione 1 Alessandrino 0

Ha accesso più Alberi di ...