• 1 commenti
  • 19/09/2022 20:54

l'Italia oggi

"Lo sapevate che in Italia il costo del lavoro è di 2.2? Cosa significa? Se tu dipendente guadagni 1600,00 lordi Il tuo datore di lavoro ne versa altri 1920,00 Tu poi al netto percepisci 1200 In poche parole tu generi un guadagno di 3520,00 ma ne percepisci solo 1200 e lo stato se ne trattiene 2320,00, quasi il doppio. In passato queste trattenute potevano essere considerate oneste perché in cambio lo stato garantiva servizi al cittadino come: - sanità pubblica - istruzione - smaltimento rifiuti - approvvigionamento energia elettrica e gas - strade percorribili - autostrade - acqua A oggi mi sembra doveroso ragionarci su un attimo - sanità = se devo fare un esame in tempi ragionevolmente brevi è meglio andare da privato e pago - istruzione = stendiamo un velo pietoso - smaltimento rifiuti = privatizzato quindi lo pago 2 volte - energia elettrica e gas = privati quindi pago 2 volte con l'aggiunta della recente estorsione - strade = rotte e pervenuta privatizzati i parcheggi quindi pago per la manutenzione, le posso percorrere ma non posso sostare senza pagare - autostrade= privatizzate quindi le pago 2 volte - acqua= non sono ancora riusciti a privatizzarla ma manca poco. Non dimentichiamoci che poi con l'illusione dei tuoi 1200,00 oltre che pagare i servizi sopra elencati abbiamo ancora - canone RAI - bollo auto - imu casa - 22% di iva sugli acquisti MA SIETE VERAMENTE SICURI CHE IL PROBLEMA IN ITALIA SIA LA BENZINA A €2,10? E soprattutto SIAMO SICURI DI ESSERE VERAMENTE INDIVIDUI LIBERI?"

I commenti

E' evidente che il problema italiano è lo statalismo selvaggio. Peccato che vi abbiano annebbiato il cervello convincendovi che la colpa sia di un inesistente liberismo. Tutti a spiegarvi, a cominciare dai nocivi Salvini e Conte, che la soluzione di tutto sarebbero più soldi elargiti dallo stato. Babbei se ci credete!! Se lo stato elargisce quattrini dovrà riprenderli a suon di tasse. I lavoratori lo dovrebbero aver capito. O no?

Anonimo - 20/09/2022 01:01

Gli altri post della sezione

Tre a zero

di Massimo Gramellini - co ...

E sento l'Onda

Un saluto poetico, oggi co ...

Tingerli no?

Iolai potevate anco tinger ...