• 0 commenti
  • 23/09/2022 18:36

Appello al voto per il TERZO POLO

L’ Italia, 60 milioni di cittadini, decine di migliaia di industrie e attività commerciali, ospedali e abitazioni rischiano il razionamento dell’energia elettrica e del gas, all’inizio del 2023.

Le aziende chiuderanno, licenzieranno e i cittadini non si riscalderanno.

Perché, un Sindaco della Meloni e un pugno di cittadini, un PD attratto dalle sirene populiste, stanno opponendosi alla decisione del Governo di collocare un rigassificatore a Piombino, che invece Ravenna ha tranquillamente deciso di accogliere.

Non solo, ma morti e danni enormi a strutture e paesi avvengono ogni anno in Italia, perché non si riesce a spendere in opere civili, di difesa all’ambiente, di sviluppo industriale e commerciale, di approvvigionamento energetico, per le speculazioni elettorali dei partiti populisti, per la loro incapacità di gestire la cosa pubblica, per le proteste di piccoli comitati, per l’accondiscendenza verso gruppi di potere e Stati esteri. (vedi la Russia sul Gas).

In queste elezioni abbiamo potuto osservare la vena populista del PD di Letta dei suoi alleati estremisti, Sinistrorsi e Verdognoli, le proposte folli e demagogiche della Lega di Salvini, la collocazione antieuropea e sovranista della Meloni, i raggiunti limiti di età di Berlusconi, ormai preda di senili pulsioni di rivincite personali, il voto di scambio assistenziale quale unica politica di Conte e dei Grillini.

Nei quattro schieramenti che si contendono il successo elettorale, in tre di essi, destra, sinistra e grillini solo comportamenti e proposte populiste: tutto e subito, tutto a tutti, tutto e il contrario di tutto, hanno dominato la campagna elettorale con la unica eccezione del TERZO POLO, Azione e Italia Viva, Carlo Calenda e Matteo Renzi.

Che hanno detto pane al pane, dicendo a no a spese insostenibili e sì a fare le cose che servono: Rigassificatori, Termovalorizzatori, Strade, Porti, Trivellazioni, Nucleare pulito, per rendere indipendente l’Italia, dare lavoro e ricchezza a chi ha voglia di lavorare e assistenza ai solo indigenti, ai non abili al lavoro, ai pensionati.

Terzo polo al centro dello schieramento politico Italiano.

Il partito del fare, delle scelte intelligenti, dell’assunzione di decisioni e di responsabilità nell’interesse collettivo, senza essere accecato da scelte di comodo, populiste, tese solo alla ricerca del consenso elettorale.

Solo un successo del TERZO POLO può riportare ad unità questo Paese, a scelte di buonsenso nell’interesse comune, a Mario Draghi alla guida dell’Italia, in un momento di grande crisi economica e sociale.

Votare TERZO POLO vuol dire preferire Draghi a Meloni, Conte, Salvini e Letta.

Vuol dire scegliere di governare con la testa e non con la pancia.

Mario Draghi premiato come miglior statista mondiale del 2022.

Caro elettore, non trovare scuse: SEI TU CHE DECIDI, con il tuo voto.

Nessun altro. VAI A VOTARE e scegli l’Italia che ragiona, che decide, che sta in Europa, da grande paese e non da paria.

Gli altri post della sezione

Le Luci sulla Città

Questa sera sono venuto al ...

Complimenti per le luci

Complimenti all amministra ...

Non ce la fate proprio

Io centro di accoglienza t ...