• 0 commenti
  • 06/10/2022 18:54

(Nuovi orizzonti per L'Italia): l’ombra della mafia a Lucca

Le mafie a Lucca sono presenti già da diversi anni. L' Ndrangheta e la Camorra continuano i loro sporchi affari. Nella provincia di Lucca scrivono congiuntamente dal partito, la segretaria Nazionale l'ex ministro della Difesa Elisabetta Trenta, il presidente Nazionale Ignazio Cutrò anche testimone di Giustizia e il segretario provinciale a Lucca Domenico Capezzoli “ -sono presenti 31 gruppi criminali.(13 clan della camorra - per i casalesi sono presenti le famiglie Bidognetti, Russo, Schiavone e Iovine, 6 della criminalità organizzata siciliana, 11 della ‘ndrangheta e la banda della Magliana) ma sono presenti anche mafie straniere , quella russa e quella cinese. Attive soprattutto nel campo del traffico di stupefacenti, riciclaggio di denaro, appalti pubblici e impegnate nel traffico della droga. In Toscana e a Lucca i boss di 'Ndrangheta e Camorra si intrufolano tranquillamente per fare affari. Il rapporto della Dia alla fine dello scorso anno metteva in guardia contro la criminalità organizzata volta a inquinare economie sane.. L'analisi di Dia del fenomeno criminale sulla base di evidenze investigative, giudiziarie e preventive nella seconda metà del 2021 riconferma che i modelli che motivano le diverse organizzazioni criminali di stampo mafioso appaiono sempre meno legati alla violenza e alle manifestazioni di violenza. Diversamente finalizzato alla penetrazione economica e finanziaria. Crisi economica, terreno fertile per la mafia, in grado di generare liquidità impressionante, principalmente dal narcotraffico, e in grado di colmare il vuoto necessario per riciclare, reinvestire, creare nuovi affari, inquinando così la salute economica e la legalità, qualunque mezzo necessario, come sempre. Un nuovo rapporto pubblicato nelle scorse ore su Dia (la direzione dell'inchiesta antimafia) per la seconda metà del 2021 ha lanciato allarmi anche in Toscana e province con la presenza di clan operanti nella regione. nel secondo semestre dello scorso anno le difficoltà incontrate dalle imprese toscane, soprattutto nei settori turistico alberghiero, manifatturiero, del commercio e della ristorazione, hanno evidenziato una crisi, in gran parte legata alla mancanza di liquidità. Ciò potrebbe lasciare spazio alle organizzazioni criminali con forti risorse economiche per operare al posto o al di fuori dello stato sociale. La continuità con i periodi precedenti confermerà l'esistenza e il funzionamento di elementi attigui all'organizzazione criminale mafiosa, talvolta in coordinamento con soggetti indigeni per gestire molte attività illecite con l'obiettivo di massimizzare i profitti nei settori di maggior interesse, quali appalti pubblici, gestione dei rifiuti e smaltimento, turismo e ospitalità. Inoltre, le bande criminali straniere continueranno a dimostrare le proprie capacità in una varietà di attività criminali, principalmente legate al traffico di droga e allo spaccio di droga, allo sfruttamento della prostituzione e al lavoro illegale.

La crescente mafia continuano Trenta, Cutrò e Capezzoli è anche "grata" per la crisi economica in corso, ed è periodo critico anche per la presenza dei fondi del PRNN che fanno gola. Dobbiamo intensificare le attività di controllo sugli appalti con procedure di screening approfondite sulle società che partecipano alle gare. Occorre essere sempre più rigidi nell’applicazione delle regole della trasparenza e di tutte le norme che servono a prevenire la corruzione nella Pubblica Amministrazione. Servirebbe anche sensibilizzare la popolazione e aprire dei punti di ascolto concludono i tre esponenti .





Gli altri post della sezione

Il people mover

Il people mover, per chi n ...

Un piccolo esempio

Capita di leggere un titol ...

Il nuovo Holodomor

Putin sta tentando di far ...

Le Luci sulla Città

Questa sera sono venuto al ...