• 8 commenti
  • 07/06/2023 09:58

Quale turismo per Lucca?

Di alternative ne ravvedo molte. Ad esempio puntare su un turismo di qualità e non di massa, un turismo che non sia mordi (un panino seduto sui gradini di una Chiesa) e fuggi (a Pisa, a Firenze, a Siena, altrove).. che non sia un turismo di greggi umane che camminano in mezzo alle strade capitanate da guide con un ombrellino alzato.. Vedrei la valorizzazione delle nostre bellissime opere d'arte di cui Lucca è piena, dei nostri musei, che vengono degradati da eventi squalificanti di basso livello, dal suddetto turismo di massa appunto... Se poi si vuol far diventare Lucca un baraccone da circo, avanti così, siamo sulla strada giusta.. continuate pure ad esporre in Fillungo e nelle altre strade e piazze del centro calamite e souvenir vari, asciugamani, magliette, "street food" (cibo da strada), kebab, tavolini ovunque e facciamo qualche altro spettacolo da circo appunto, mettiamo cuoricini luminosi per i "selfi" nel foro di Lucca, facciamo venire a cantare nell'Anfiteatro romano la signora attempata che intona le sigle dei cartoni animati... facciamo balli in maschera.... chiudessero le mura, svuotassero la città e facessero entrare solo turisti, finalmente liberi di circolare sui risciò a tutta birra per le strade contro mano o sulle Mura (che si stanno visibilmente sgretolando in più punti, ma nessuno per ora se ne cura concretamente) .. i pochi residenti si trasferirebbero finalmente in Pizzorna, come auspicato da molti, affittando le loro abitazioni al nero o su AirB&B o altri simili portali.. Lucca popolata solo da turisti e giovanotti "della movida" che bevono, schiamazzano e urinano dove meglio credono.. e che si rifocillano ad una delle tante mangiatoie che oramai popolano la città..la vedremo prestissimo una Lucca così! Venghino siori venghino

I commenti

Questo articolo ha tre problemi secondo me. Primo. Chi l'ha scritto temo non abbia coscienza diretta di chi vive con 800 euro al mese da cui devono uscire affitto bollette e benzina oltre che cibo. Il secondo è non capire che un turismo fatto di ricchi che passerebbero tre mesi solo a parlare di Puccini era già di nicchia prima di questo mondo di poveri, e non esisterà mai più. Il terzo errore è una sorta di convinzione che riscontro in molti lucchesi, i quali onestamente credono che ogni sasso di Lucca sia davvero ma DAVVERO interessante. Puccini lo puoi studiare online. Le Mura le visiti in un pomeriggio. Tolto queste due cose Lucca ha solo vagonate di chiese. Se non fosse per i Comix nessuno saprebbe che Lucca esiste. Sono su innumerevoli chat online, di politica sesso cinema qualunque cosa, con utenti da ogni parte del mondo, milioni di utenti, anche se ci passo pochissimo tempo perché lavoro come un matto e nel tempo libero voglio vivere non stare al pc. Ogni volta che nomino Lucca CHIUNQUE, che abbia 13 anni o 50, che venga dall'India o dall'Islanda o dagli USA o dall'Australia, parla SOLO dei Comix. Fatevene una ragione, nessuno l'ha mai sentita nominare al di fuori di ciò. Paradossalmente anche il Summer non viene mai citato. Solo i Comix. Solo e soltanto i Comix. Coi se e coi ma la storia non si fa, che vi piaccia o meno questa è la realtà (e fa pure rima).

anonimo - 23/06/2023 20:03

Probabilmente non sa di cosa parla, e non sa neppure Storia. Bocciato!
La 'rivolta degli straccioni' riportata alla modernità sarebbe l'equivalente di 'la rivolta dei cartieri" lucchesi o meglio "rivolta degli straccioni" di Prato.
Provi oggi a dare del "cartaio" ad un cartario o dello "straccione" ad un tessitore di Prato vai!

... - 23/06/2023 11:47

Avete rotto von difendere i panini i risciò e I cialtroni briai da barini . Ci vuole un turismo sostenibile perché quello di ora è un canceled la città. Non sono un ricco ne vecchio. Sono uno che un paio di neuroni gli sono rimasti a differenza di quelli scosciati che non ne hanno più nemmeno mezzo.

Anonimo - 23/06/2023 10:08

Il commercio finirà tutto sulla rete informatica e quindi i negozi chiuderanno ed i fondi perderanno valore. Nei prossimi dieci anni la cosiddetta "intelligenza artificiale" renderà disoccupati almeno 5 milioni di italiani. Un centro come Lucca ha solo due possibilità di sopravvivenza. Una è l'alta formazione e la convegnistica, sperando che la gente abbia ancora voglia di un contatto fisico con l'insegnante e non di "webinar", "call", e altre cose con nome in lingua più o meno inglese. L'altra è appunto il turismo. Ma non vi vergognate a star lì a coprire di merda il lavoro delle guide turistiche, che lottano con le guide informatiche con cui presto cercheranno di sostituirle?!?! Ma non vi vergognate a star lì a sputtanare chi, vendendo il famoso panino, cerca di portare a casa i soldi per se e per la famiglia?!? Ma voi, chi vi campa? La pensione?!?! Ma non vi rendete conto che, se il Comune non cambierà le norme urbanistiche permettendo di fare alberghi ed appartamenti ai piani terreni oggi a destinazione commerciale o magazzino, migliaia di metri quadrati di immobili andranno in malora?!? Anche chi affitta il risciò o la bicicletta per voi è uno da distruggere e da rendere disoccupato. Non c'è alternativa al turismo. O il turismo o la morte!!

anonimo - 08/06/2023 00:49

E gira gira al COLOMBINI gli dovete fare un monumento. Meno male erano Mimmo e il Summer i motivi di attrazione di Lucca…
Passo da piazza s.Giovanni ogni sera e ci vedo le file. O forse vanno alla messa? Fossi in voi imparerei almeno Lucca guadagna ancora di più. 20 e passa anni e quell’individuo piaccia o no non molla. E se li è fumati tutti, da Fazzi in poi.
Lucca comunque sempre meglio. Però Pardino taglia l’erba all’aeroplano che non si vede un ca**o quando si arriva dall’autostrada…

Anonimo - 07/06/2023 23:47

Gentile Lettore
@Visione parziale.
Non ho mai detto di volere una Lucca senza turismo, ma di auspicare un turismo di qualità.
Quindi la sua sentenza sul fatto che sarei un lucchese benestante che pensa solo a se stesso e non agli altri (ma chi è Lei per sparare tali affermazioni travisando e interpretando in modo distorto quanto scritto???) ed il suo bel discorso sull'indotto lo respingo al mittente, consapevole che sull'indotto vivono numerose famiglie.
Come dice Lei, bisognerebbe avere tutti più riguardo e più rispetto del prossimo e le guide laureate in lingue dovrebbero avere il garbo di far camminare i loro turisti sulla destra, non in mezzo alla strada,ad esempio.
E concordo sul fatto che Colombini sia l'unico che fa qualcosa di vero e eccelso per Puccini, su Puccini.
Cordialità.

anonimo - 07/06/2023 17:35

Il solito commento del ricco lucchese che magari si schifa anche salvo poi sottobanco, affittare le case sfitte di famiglia a turisti da svenare. Belli i soldi che ti consentono di vivere senza lavorare: peccato che il turismo da risorse a tanti e sfama famiglie intere oltre che ricchi criticoni si ma sempre pronti a chiamare Air B&B per riempirsi le case vuote e aumentare il patrimonio. Ma l’istinto borghesetto di villano rincivilito prende sempre il sopravvento: con poco effetto. Lucca finalmente è entrata nel circuito del turismo: starà a amministratori intelligenti gestirlo al meglio e nel rispetto di una città d’arte.

Anonimo - 07/06/2023 17:04

Visione di un benestante lucchese che pensa solo a se stesso e non alla comunità.
Non pensa che la guida con l'ombrello (magari laureata in lettere/lingue) vive grazie a quella attività, non pensa ai numerosi lavoratori che hanno un reddito grazie al turismo (e non parlo solo dei proprietari di appartamenti e dei vari barini e ristoranti, ma anche di tutto l'indotto: cuochi, camerieri, donne delle pulizie, taxi, produttori locali, negozi di biciclette, artigiani, vino/olio e prodotti agricoli locali, ecc). Forse non conosce realtà come la Lucca Italian School o Academy of Italian Cuisine di Lucca o lo stesso Puccini Festival di Colombini (unico in città che fa qualcosa su Puccini). Certo, il turismo va regolato, le case vacanza ed i B&B devono pagare le tasse, i locali devo rispettare i regolamenti su rumori, orari ed occupazione del suolo, si devono vietare i risciò nel centro storico, bisogna soprattutto programmare le iniziative per avere un turismo più di qualità e magari anche più distribuito durante l'anno (ad esempio disincentivando le gite nei periodi di alta stagione, ma incentivandole nella bassa stagione). Su una cosa sono d'accordo: quando cita "eventi squalificanti di basso livello" concordo nel ritenere le nuove iniziative (es carnevale) prese dall'attuale amministrazione totalmente inutili in ottica prospettica.
Inoltre non credo che la gente non viva nel centro storico per via del turismo; penso sia la conseguenza della naturale minore fruibilità dei centri storici (presente anche in altri centri non turistici). Ritengo che senza turismo i centri storici sarebbero in stato di maggiore abbandono e degrado. Pensate a Matera cosa era prima della sua promozione turistica.

anonimo - 07/06/2023 13:14

Gli altri post della sezione

Successo per

Sala gremita all'Agorà pe ...

Capannori e Lucca

anche se ad alcuni ultras ...