• 0 commenti
  • 22/09/2023 12:44

La storia di una donna dietro “La morte del Papa” di Giovanni Pascoli

La storia di una donna dietro “La morte del Papa” di Giovanni Pascoli
La conferenza di Sara Moscardini
sabato 23 settembre alle 17 alla Fondazione Ricci di Barga
L’evento legato alla mostra sulla Corsonna, aperta a ingresso libero fino al 15 ottobre

 

Barga, 22 settembre 2023 – La storia di una donna dietro “La morte del Papa” di Giovanni Pascoli, poemetto della Valle della Corsonna, al centro della conferenza-racconto per immagini di Sara Moscardini che si tiene sabato 23 settembre alle 17 a ingresso libero alla Fondazione Ricci di Barga. L’evento si svolge nel calendario degli eventi collaterali alla mostra “Lungo la sponda del mio dolce fiume CORSONNA. Immagini e storie lungo la Corsonna”, della quale è co-curatrice.

Sara Moscardini (Barga, 1986), laureata in Storia e civiltà all'Università di Pisa e diplomata alla Scuola dell'Archivio di Stato di Firenze, nel 2015 è stata assegnista di ricerca per la Scuola Normale Superiore di Pisa. Opera da anni come archivista libero professionista sul territorio toscano ed è collaboratrice culturale con la Fondazione Giovanni Pascoli. Direttrice dell'Istituto Storico Lucchese sezione di Barga, ha all'attivo numerosi studi e pubblicazioni di storia locale.

"La morte del Papa" è una delle più belle opere poetiche dedicate da Pascoli al territorio barghigiano e in particolare a quel lembo di terra bagnato dal torrente Corsonna e dominato dalle cime dell'Appennino. È un poemetto scritto nel 1903, in occasione della morte di papa Leone XIII, pubblicato dapprima sulla rivista La riviera ligure e poi incluso nella raccolta dei Nuovi Poemetti. Nonostante il titolo che richiama la figura del pontefice, la protagonista di questo poemetto è una abitante di questa valle realmente esistita, Teresa Agostini, che morì a inizio del secolo scorso con la fama di ultracentenaria. Sara Moscardini propone un viaggio tra i versi di un poemetto che racconta tanto di questa terra, delle sue antiche tradizioni contadine, della profondità dei sentimenti che anima i suoi abitanti.

La mostra è organizzata dalla Fondazione Ricci ETS, nella sua sede in via Roma, 20, e dall'Istituto Storico Lucchese sezione di Barga, protagonisti gli scatti della fotografa Caterina Salvi e le informazioni storiche e cartografiche di Sara Moscardini e di Cristiana Ricci, presidente della Fondazione Ricci. 

Ecco i prossimi appuntamenti collaterali alla mostra (che termina domenica 15 ottobre 2023) con visite, incontri e attività per bambini, ragazzi, giovani e adulti proponendo un serrato dialogo con i luoghi del Corsonna (il calendario completo sul sito www.fondazionericci.info): giovedì 28 settembre 2023 escursione nella zona di Montebono; venerdì 29 settembre alle 17 presentazione del catalogo della mostra e incontro con la fotografa Caterina Salvi Westbrooke, autrice della parte fotografica “River Rêveries”; giovedì 12 ottobre 2023 escursione alle sorgenti della Corsonna; domenica 29 ottobre 2023 escursione alla scoperta del foliage.

INFORMAZIONI

La mostra “Lungo la sponda del mio dolce fiume CORSONNA. Immagini e storie lungo la Corsonna” è realizzata dalla Fondazione Ricci e dall’Istituto Storico Lucchese sezione di Barga grazie al sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e di Pinelli Assicurazione, con il patrocinio del Comune di Barga, della Provincia di Lucca e della Fondazione Giovanni Pascoli; è visitabile fino a domenica 15 ottobre 2023 a ingresso libero con i seguenti orari: martedì 11-13, venerdì 15,30- 19,30, sabato e domenica 11-13 e 17-19.

Info: Fondazione Ricci ETS, 0583724357, fondricci@iol.itwww.fondazionericci.infoFacebook “Fondazione Ricci ETS”, Instagram “fondazione_ricci_barga”.

Gli altri post della sezione

All'anagrafe di Marlia

Dovevo rinnovare la carta ...