• 3 commenti
  • 10/07/2022 19:59

RICONQUISTIAMOCI IL DIRITTO AL LIBERO ACCESSO AL MARE


Ormai in molte regioni il mare è irragiungibile lo si può vedere solo da lontano, sequestrato dietro muraglioni e recinzioni di villone, villine e villette, o costretto davanti ad ordinate e costosi filari di ombrelloni, lettini e sdraie. Piano piano ce lo siamo fatti fregare senza battere ciglio e piano piano ci siamo trasformati senza nemmeno accorgercene, da cittadini a clienti di un mercato globale che tutto mercifica persino il diritto ad una giornata di riposo a godersi il sole in riva al mare. Se vuoi puoi farlo ma devi pagare, devi diventare cliente di un qualche stabilimento balneare.

Io ritengo una bestialità che spiagge demaniali dello Stato, cioè di tutti noi siano state di fatto “espropriate” alla libera fruizione dei cittadini, occupate da decenni e trasferite per vie ereditarie, di generazione in generazione, a concessionari di stabilimenti balneari sempre più selettivi e di lusso in molti dei quali, per frequentarli per qualche giorno, si dovrebbe lasciare l’equivalente di qualche stipendio. Il riposo è un diritto di tutti come il Viaggiare, e non è solo svago ma cultura ed esperienza di vita. In questa brutta epoca liberista i lavoratori, i giovani, i precari, non possono più uscire di casa se non hanno soldi da spendere, perché diventano degli indesiderati e malvoluti, sia nei salotti delle città d’arte dominate da divieti, persino di sedersi su di un muretto per consumare un economico e veloce panino, sia nelle spiagge per la stragrande maggioranza dei casi a pagamento con costi sempre in crescita di anno in anno.

Basta, quando, finalmente, con ritardi stratosferici e vergognosi, si faranno i bandi per i rinnovi delle concessioni balneari, un obiettivo democratico e di sinistra deve essere quello della riduzione di almeno il 50% dell' attuale numero complessivo delle concessioni per restituire il maltolto ai cittadini italiani, soprattutto a quelli a basso reddito, che sono la maggioranza, perché, possano ritornare al mare liberamente, gratuitamente, con il panino, il fritto, l’acqua e il vino portato da casa senza essere criminalizzati come sabotatori dell’industria italiana degli stabilimenti balneari, del divertimento e della ristorazione. Le spiagge come il mare sono nostri, di tutti e gentaglia come Briatore deve essere butta fuori a calci in culo perché usurpano e speculano su un nostro bene comune, sulle nostre spiagge, sul nostro mare.

Io, ragazzino, primissimi anni ’70, mi è capitato di partire dal Bar del paese con un gruppo di amici volutamente e necessariamente numeroso, una fila di vespine e motorette, direzione Forte del Marmi, che allora era il top delle spiagge europee, entravamo nel bagno più ricco e ci sdraiavamo vicini al mare, vicini al bagnasciuga, occupando con il nostro corpo quello che ritenevamo a ragione nostro, i gestori chiamavano i carabinieri e scoppiavano discussioni, dovevamo difenderci da corpulenti e muscolosi bagnini, a volte scoppiava qualche piccolo parapiglia, qualche signorotto si spostava indignato, ma poi, essendo tutti minorenni, tutto finiva lì, con qualche minaccia di denuncia. Confesso: la sera tornavo a casa orgoglioso e fiero di quella mia resistenza ad un sopruso così grande.


Eugenio Baronti

08/07/2022


I commenti

Apprendiamo che anche il Baronti, da giovane, ha messo in atto una gloriosa resistenza. Quella contro il riccone milanese e contro il muscoloso bagnino. Che eroe!! Al Baronti, che partiva dal barino a cavallo della vespa (prodotto capitalistico....ma non aveva qualcosa di più sovietico???), non veniva e non viene ancora in mente che il muscoloso bagnino poteva aver famiglia, così come il gestore del bar in cima al bagno, come la donna delle pulizie della villa del riccone...... Tutta gente che ha mandato i figli all'università grazie al turismo dei ricconi. Niente concessioni, niente spiagge esclusive, niente ricconi, niente stipendi..... ma solo una marmaglia di sonati in motore con il panino nel tascapane.... Si svegli Baronti e rispetti chi lavora. Sono a favore della Bolkenstein, ma il tutto dovrà essere architettato in modo da dare alle spiagge gestori validi e con capacità imprenditoriali. Le spiagge libere e a buon mercato ci sono tra la darsena di Viareggio e Torre del Lago. Se ne vada laggiù e non rompa tanto le scatole a chi cerca di trovare il modo per far soldi lavorando!!!

anonimo - 11/07/2022 01:25

le pongo alcune questioni: 

1( la Versilia per esempio, è famosa in tutto il mondo per la sua spiaggia (non certo per il mare!!!) per la sua organizzazione e per le sue comodità. E su questo spero ne convenga. In Versilia attorno a quello che lei chiama turismo per signorotti lavorano qualche mgliaia di persone che l'hanno costruita, generazione dopo generazione, e la stragrande maggioranza come dipendenti. 
2) Lei pensa che se se fosse stata tutta spiaggia libera (gestita da privati perché tutti sappiamo - e lei per primo - che dove mette le mani il pubblico sono perdite assicurate e fallimenti - oggi ci verrebbero centinaia di migliaia di persone a portare i loro soldi? 
3) anch'io quand'ero più giovane andavo alla spiaggia libera a Torre del Lago o in Darsensa o, quando avevo la macchina prima di Marina di Massa, 

Allora qual'è il problema? E' avere una spiaggia libera dove finisce l'autostrada, bella comoda? il problema è che se non c'erano i bagni ed i servizi non c'andava nessuno e l'autostrada non serviva.
Credo che il suo sia tutto un fatto ideologico. E basta.

Poi che ci siano delle storture e che i canoni vadano rivisti e resi più equi questo è un altro discorso (ma ricordi che anche chi ha ereditato la casa (o il negozio) in passeggiata a viareggio o lido poi dovrà pagare un canone maggiorato.

Personalmente vado in un piccolo bagno, pago il giusto per i servizi che mi danno e trovo che il sistema sia anche equo. Ma è solo è il mio pensiero che va verso l'equità sociale e non lo statalismo parassita e acefalo che a volte è accecato dall'invidia dell'ideologia.
Saluti

Massimo della Pena - 10/07/2022 20:16

Evidentemente applicare le Leggi non è di questo Mondo. (per l'applicazione delle Leggi dello Stato, ci sono passato per altra questione e fui e sono di molto di molto inc-omississ!)
consumatori.it - Spiaggia libera: i diritti dei bagnanti (...)
"articolo 11 della legge n. 217 del 2011 che prevede “il diritto libero e gratuito di accesso e di fruizione della battigia, anche ai fini di balneazione“, la legge n. 296 del 2006 stabilisce “l’obbligo per i titolari delle concessioni di consentire il libero e gratuito accesso e transito, per il raggiungimento della battigia antistante l’area ricompresa nella concessione, anche al fine di balneazione“. Per battigia si intende la striscia di sabbia su cui l’onda va a infrangersi." (...)

Pietro - 10/07/2022 20:14

Gli altri post della sezione

Assessore imbarazzante!

Siamo caduti nel ridicolo. ...

A Panchieri. Con affetto

Io vorrei dare un suggerim ...

Sarzanese.. Far West

Via sarzanese è terra di ...

E la Manifattura ???

" Dopo l'estate il Patto P ...