• 1 commenti
  • 28/02/2024 10:32

CAPANNORI CAMBIA incontra i protagonisti del nostro territorio: MONDO SCUOLA.


Che quello della scuola sia un vero e proprio “mondo” lo dicono i numeri. A Capannori (fonte www.tuttitalia.it) ci sono poco meno di 6mila bambini e ragazzi da 0 a 14 anni potenzialmente frequentatori di asilo nido, scuola dell’infanzia, primaria o scuola media inferiore. Aggiungete genitori, nonni, personale scolastico e personale mensa, ecco che ben oltre metà della popolazione di Capannori è coinvolta ed impattata dal “mondo scuola”. – questo è quanto afferma Capannori Cambia - E’ evidente, pertanto, che un’Amministrazione Comunale efficiente debba fare tutto ciò che è di sua competenza ed in suo potere per far funzionare al meglio il “mondo scuola”. Quindi, edilizia scolastica, trasporti ed il servizio mensa!!! Capannori Cambia, insieme al Candidato Sindaco, Paolo RONTANI,- nel proseguire il suo percorso di incontro e confronto con i cittadini, ha voluto dare voce a questi importantissimi protagonisti del nostro territorio, organizzando un’assemblea pubblica tenutasi giovedì scorso ed, alla quale, i vari attori del “mondo scuola” hanno partecipato numerosi. Come prima cosa, nel corso della serata, è emerso in maniera fortissima che la soluzione prospettata dall’Assessore Cecchetti e dalla Giunta, ovvero quella di investire poco meno di 300mila euro di risorse comunali per acquistare il 22% delle azioni di una società di Calenzano, la “Qualità e Servizi Spa”, con la presunzione o meglio l’illusione di poter così risolvere i problemi serissimi che ci sono nel servizio mensa, appare una vera e propria fantasia!!!

Il servizio mensa attacca Capannori Cambia - va strutturalmente ripensato e questo lo dobbiamo ai nostri bambini e ragazzi che lo chiedono a gran voce ma il pensare che diventare “soci” di un’azienda a capitale totalmente pubblico dove gli altri soci sono i Comuni di Sesto Fiorentino, Campi Bisenzio, Signa, Calenzano, Carmignano e Barberino del Mugello possa dare al Comune di Capannori autonomia e potere decisionale per gestire “in house”(ovvero in proprio) questo fondamentale servizio, evidenzia poca conoscenza ed esperienza delle dinamiche societarie. Addirittura, come da tempo la stampa fiorentina ipotizza, a breve, in questa società, potrebbe entrare anche il Comune di Firenze… e dopo? Quanto peserà Capannori? …e i dipendenti? Peraltro, - prosegue la Lista - questa preoccupazione ce l’ha anche lo stesso Cecchetti che, in Consiglio Comunale, ha ipotizzato che nel qual caso, Capannori uscirebbe dalla società e si metterebbe totalmente in proprio. Se, però, questa Giunta, avesse un minimo di esperienza economica saprebbe benissimo che entrare in un “business” è difficile ma uscirne quando si vuole se non impossibile è sicuramente penalizzante e quasi sempre diseconomico!!!

Allora cosa fare? Abbiamo detto, - propone Capannori Cambia - ci vuole VISIONE, CORAGGIO ed anche AUDACIA e visto che fornire un servizio mensa funzionante, salutare ed a KM Zero è un dovere per un’Amministrazione seria, la soluzione è riportare sotto il totale controllo comunale tutto il servizio di ristorazione attraverso la costituzione di una vera società “in house”: questo, va fatto!!! Così come è necessario impegnarsi affinché, quanto meno in quegli Asili Nido ed in quelle Scuole dell’Infanzia che già ad oggi hanno spazi e cucine a norma, si possa tornare a cucinare i pranzi dei bambini direttamente sul posto.

…il resto sono solo fantasie che a tre mesi dalle elezioni amministrative appaiano molto forzate, dubbiose e pure scorrette verso la Giunta che verrà. Accanto al problema mensa, nel corso della serata, ha tenuto banco, come ovvio, anche il tema dell’edilizia scolastica. Su questo, anche alcune insegnanti, - conclude Capannori Cambia - hanno posto l’attenzione che accanto ai problemi più strutturali dove servirebbero investimenti importanti (palestre inagibili, infiltrazioni d’acqua, efficientamento energetico, ecc.), in questi anni, anche richiedere piccoli interventi di manutenzione ordinaria (lampadine da sostituire, rubinetti che perdono, scarichi intasati, tapparelle rotte, ecc. ecc.) è diventato difficile ed utopistico!!! Trovare le risorse per mettere innanzitutto in sicurezza i nostri bambini e ragazzi, insieme a garantire una manutenzione costante, puntuale e programmata degli edifici scolastici sarà, pertanto, per il Candidato Sindaco Paolo RONTANI e per Capannori Cambia una priorità assoluta del proprio operato una volta al timone di Capannori!!!

Febbraio 2024

I commenti

Le premesse sono buone , andate avanti così, spero in un vero cambiamento , perché ora è un vero schifo.

Anonimo - 29/02/2024 07:06

Gli altri post della sezione

“CAPANNORI CAMBIA”

Una buona Amministrazione ...