• 0 commenti
  • 14/05/2024 21:04

Antica Leggenda ZEN

Un giorno una persona salì sulla montagna dove viveva un eremita; lo incontrò mentre stava meditando e gli chiese: "Cosa stai facendo in solitudine?" Lui rispose: "Ho molto lavoro da fare". "Come puoi avere così tanto da fare? Non vedo niente qua intorno." "Devo addestrare due falchi e due aquile, rassicurare due conigli, disciplinare un serpente, motivare un asino e domare un leone." "E dove sono tutti questi animali che non vedo?" "Li ho dentro. I falchi sono lanciati su tutto ciò che mi viene presentato e io, nel bene o nel male, devo addestrarli a lanciarsi sulle cose buone. Sono i miei occhi. Le due aquile con i loro artigli fanno male e distruggono, e io devo insegnare loro a non fare male. Sono le mie mani. I conigli vogliono andare dove vogliono, non vogliono affrontare situazioni difficili, e io devo insegnare loro ad essere calmi anche se c'è sofferenza o ci sono ostacoli dove inciampare. Sono i miei piedi. L'asino è sempre stanco, testardo, non vuole mai portare il suo carico. È il mio corpo Il più difficile da domare è il serpente. E sebbene sia rinchiuso in una forte gabbia, è sempre pronto a mordere e avvelenare chiunque si avvicini. Devo disciplinarlo. È la mia lingua. Ho anche un leone, orgoglioso e vanitoso. Pensa di essere il re ed io devo domarlo. È il mio ego. Come vedi, amico mio, ho molto lavoro da fare. E tu, a cosa stai lavorando?" - Un giorno una persona salì sulla montagna dove viveva un eremita; lo incontrò mentre stava meditando e gli chiese: "Cosa stai facendo in solitudine?" Lui rispose: "Ho molto lavoro da fare". "Come puoi avere così tanto da fare? Non vedo niente qua intorno." "Devo addestrare due falchi e due aquile, rassicurare due conigli, disciplinare un serpente, motivare un asino e domare un leone." "E dove sono tutti questi animali che non vedo?" "Li ho dentro. I falchi sono lanciati su tutto ciò che mi viene presentato e io, nel bene o nel male, devo addestrarli a lanciarsi sulle cose buone. Sono i miei occhi. Le due aquile con i loro artigli fanno male e distruggono, e io devo insegnare loro a non fare male. Sono le mie mani. I conigli vogliono andare dove vogliono, non vogliono affrontare situazioni difficili, e io devo insegnare loro ad essere calmi anche se c'è sofferenza o ci sono ostacoli dove inciampare. Sono i miei piedi. L'asino è sempre stanco, testardo, non vuole mai portare il suo carico. È il mio corpo Il più difficile da domare è il serpente. E sebbene sia rinchiuso in una forte gabbia, è sempre pronto a mordere e avvelenare chiunque si avvicini. Devo disciplinarlo. È la mia lingua. Ho anche un leone, orgoglioso e vanitoso. Pensa di essere il re ed io devo domarlo. È il mio ego. Come vedi, amico mio, ho molto lavoro da fare. E tu, a cosa stai lavorando?" - Antica leggenda zen

Gli altri post della sezione

Lucca Historiae Fest

Archiviata la prima giorna ...

Lavori molesti

Ore 07.00 via Fatinelli. L ...