• 0 commenti
  • 05/10/2022 08:18

LuccAutori 2022 - Gli studenti premiati per il Premio Mario Tobino

Lucca - Il festival LuccAutori nell'ambito delle Occasioni Tobiniane ha ospitato a Villa Bottini la premiazione degli studenti che hanno partecipato alla 16^ edizione del PREMIO MARIO TOBINO.

La giura del Premio Mario Tobino insieme all’Assessore alla cultura Angela Mia Pisano ha premiato le scuole superiori di I grado che nello scorso anno scolastico all’interno del premio Mario Tobino hanno sviluppato attraverso attività varie il tema: Tobino in viaggio.
1° premio – studenti classi 2E, 3E e 3F della Scuola “M. Pellegrini”, I.C. Massarosa1 - Prof.ssa referente: Giada Bastanzi
Per l’originalità nella scelta dei testi poetici di Mario Tobino e la profondità di analisi dimostrata dagli studenti – saggiamente guidati – che hanno saputo cogliere il tema generale del viaggio evidenziando al contempo i valori letterari dei componimenti e l’interpretazione personale secondo il particolare punto di vista di giovani in formazione. A complemento del lavoro si apprezza il contributo video che funge da introduzione.
La Giuria aggiunge al Primo premio un particolare riconoscimento per l’alto valore didattico del lavoro ripubblicando le poesie di Tobino prescelte accompagnate dagli elaborati dei ragazzi a corredo esegetico.
2° premio ex aequo – classe 3A e 3B Scuola “G. Puccini”, I.C. “Armando Sforzi” di Piano di Conca - Prof. referente: Massimiliano Strata
La Giuria ha apprezzato in modo particolare l’elaborato grafico che ha saputo interpretare in modo creativo il viaggio interiore di Tobino nei meandri della follia.
2° premio ex aequo – classe 3C Scuola “L. Nottolini”, I.C. “Ilio Micheloni” di Lammari
Video animato intitolato L'Arno, è una rielaborazione del racconto Arno scritto da Mario Tobino con fotografie di Enzo Ragazzini. Il cantautore Edoardo De Angelis ha partecipato al progetto.
Coordinazione e realizzazione del progetto: Prof.ssa Anna Lisa Del Carlo e Annalisa Mattei
La Giuria ha apprezzato il lavoro multidisciplinare che, partendo da una prosa dimenticata di Tobino, L’Arno, vede la rielaborazione testuale degli alunni tradotta in un originale linguaggio.

Gli altri post della sezione

Che belle luci

Una città davvero illumin ...

Le luci di Natale

Delicate, belle e soprattu ...