• 5 commenti
  • 02/12/2022 12:58

No alla colata di asfalto sulla Piana di Lucca! No al partito del cemento! No agli assi viari Nord-Sud!


Cominciamo a costruire un sistema di mobilità alternativa, ecologica e moderna.

  1. Più di trent’anni di discussioni, un sacco di soldi spesi in diversi progetti cartacei fatti, rifatti e modificati, nell’illusione di renderli migliori e di mitigarne l’impatto sociale e ambientale sulla martoriata Piana di Lucca: il progetto dei nuovi assi viari è ormai fuori dal tempo, non solo non risolverebbe minimamente il traffico nei reticoli di vie che conducono nei luoghi di lavoro, centri commerciali, servizi ai cittadini, ma incentiverebbe il traffico merci su gomma, aggravando la già pesante situazione. Esso va esattamente nella direzione opposta a quella transizione ecologica, che a parole tutti ritengono indispensabile e urgente, per contrastare la drammatica crisi ambientale e i cambiamenti climatici.

  2. Non c’è consapevolezza del passaggio epocale che stiamo attraversando, che tutto sta velocemente cambiando e niente tornerà come prima. Una mobilità tutta centrata sul trasporto individuale privato su gomma è sempre più insostenibile e l’illusione di una crescita infinita di questo modello è entrato irreversibilmente in crisi. Cresce la consapevolezza che non possiamo continuare a consumare nuovo suolo all’infinito perché non abbiamo più spazi e la Piana ormai è una conca troppo satura di asfalto e cemento, con una concentrazione di polveri sottili al di sopra di ogni livello di sicurezza; se non ci fermiamo e attiviamo una grande azione di riqualificazione mettiamo a rischio il verde rimasto, l’ambiente dove viviamo, la salute e la vita dei nostri figli per il prossimo futuro.

  3. L’ultimo progetto, in ordine di tempo, degli Assi viari Nord Sud, una vera e propria colata di cemento con profili altimetrici enormi, se realizzato, comporterebbe danni irreparabili all’ambiente, all’assetto idrogeologico e alla falda della Piana, all’agricoltura, un aumento del tasso di inquinamento e danni al paesaggio in cambio di risibili vantaggi relativi alla velocizzazione del traffico in un’unica direzione. Studi indipendenti dimostrano che anche dal punto di vista dell’efficienza e della razionalizzazione del sistema di mobilità il gioco non vale la candela.

  4. Le alternative ci sono: a) trasferimento di quote importanti di merci su ferrovia, b) metropolitana leggera di superficie per Lucca e la Piana, c) riorganizzazione e riqualificazione del sistema di trasporto pubblico con parco più attrezzato di navette elettriche e maggiori articolazioni di percorsi in rapporto ai bisogni presenti sul territorio, d) realizzazione di parcheggi scambiatori ben localizzati e chiusura della circonvallazione ai tir, e) realizzazione di una rete protetta di piste ciclabili in sicurezza f) armonizzazione degli orari e dei tempi della città, delle scuole e dei luoghi di lavoro in particolare.

La base di queste proposte è costituita dal progetto presentato anni fa da Lega Ambiente che può essere arricchito e integrato, ma già allora pensato come alternativo al progetto degli assi Viari Nord Sud, considerati strumenti inutili e dannosi per l’ambiente e i cittadini, e inadatti per lo stesso obiettivo di riduzione e razionalizzazione del traffico.

Da anni, in tanti, abbiamo contestato questa scelta della colata di cemento sulla Piana, voluta, recentemente, a livello nazionale dal centro destra, dal Pd ed anche dai 5 stelle, e riconfermata anche nella campagna elettorale comunale, con qualche piccolo distinguo, sia da Raspini che da Pardini. Non servono i distinguo o le piccole e parziali modifiche. Il progetto degli assi viari Nord Sud va azzerato e respinto al mittente ed è questo quello che chiediamo di votare all’attuale Consiglio comunale. Noi da parte nostra ci impegniamo prossimamente a realizzare un’occasione di dibattito e di approfondimento con cittadini ed esperti, con Lega Ambiente, il Comitato Altrestrade e docenti universitari, sui progetti di mobilità alternativa ed ecologica. Pronti come sempre a mettere i nostri corpi a difesa del verde e della comunità contro le eventuali ruspe, qualora partissero i lavori.

I commenti

Quali sono le scemate?

1. Gli assi viari incentiverebbero l'uso delle automobili. Come si dimostra questa affermazione?
2. Gli assi viari possono essere sostituiti dalla "metropolitana leggera". Boiata sublime. Gli assi servono per il traffico tra la valle del Serchio e le autostrade, la metropolitana non li può sostituire
3. Allo stesso mode parcheggi scambiatori e navette con la grande viabilità c'entra come il culo con le quarantore
4. Meraviglioso l'intento di "chiudere la circonvallazione ai TIR". Dove li manderebbe Lei i TIR qualora la circonvallazione fosse loro proibita? Tutti a Marlia? Lo sa vero cosa succederebbe.... o no?

Tanto in Italia si può dire di tutto.

anonimo - 03/12/2022 03:33

Be pare di aver letto le parole pronunciate dal celebre personaggio del Film di Verdone " Un Sacco Bello"

Casimiro - 02/12/2022 20:55

Abbiamo i tir lungo le mura....aspettiamo i treni si si

anonimo - 02/12/2022 18:28

Poi poi, è almeno da cinque secoli, da quando han' finito di sbadilà e spruettòà pe' le Mura, che aspettin di riusà la pruetta velli del Movimento tera.
C'han lì attaccato al muro il badile arugginito, pieno di gragnoli, che 'un aspetta artro!
Dopo si che ne vedrete di autotreni su viale Europa, artro che ora! Avete voglia!
Iolai!

... - 02/12/2022 13:27

Ma voi mette'!
Nella Piana mancano un pò di dighe per la prossima alluvione.
Dopo sennò come fate a pagaià pe' allenavvi sul raftinghe, ne' placidi 'llaghi alluvionali...
D'altra parte 'un lo sapete che state sulla piana alluvionale per eccellenza?!
Dai, dai! Ci vòle!
Ci vòle, iolai!

... - 02/12/2022 13:08

Gli altri post della sezione

Giornata della memoria.

L’assemblea degli iscrit ...