• 1 commenti
  • 30/09/2023 12:38

PIANETA TERRA FESTIVAL La rete della vita


 

Da giovedì 5 a domenica 8 ottobre 2023 a Lucca,

quattro giorni per immaginare un futuro sostenibile

 

Focus sui grandi appuntamenti in San Francesco

 

 

Pianeta Terra Festival 2023 sta per iniziare, proponendo da giovedì 5 a domenica 8 ottobre oltre 80 appuntamenti in diversi luoghi di Lucca.

La manifestazione è diretta da Stefano Mancuso, ideata, progettata e organizzata dagli Editori Laterza, e promossa dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca.

 

Grande attesa soprattutto per gli incontri che si svolgeranno nella Chiesa di San Francesco, tra scienza, cultura e i grandi temi della sostenibilità.

Per descrivere anche “La rete della vita”, tema scelto per questa seconda edizione, nella grande chiesa si terranno gli ‘Assoli’ di tre grandi intellettuali Italiani, Alessandro Barbero (5 ottobre ore 19), Umberto Galimberti (6 ottobre ore 16) e Massimo Recalcati (6 ottobre ore 19), ma anche approfondimenti di altissimo livello scientifico, proposti sempre con piglio divulgativo e coinvolgente.

Alle 18 di venerdì 6 ottobre potremo ascoltare la storia di David Monacchi, artista e compositore che lavora da vent’anni a Fragments of Extinction, un progetto che registra con tecniche tridimensionali innovative i suoni delle foreste vergini di tutto il mondo.

 

Alle 12 di sabato 7 sarà il turno di Yadvinder Malhi, professore di Ecosystem Science all’Università di Oxford: un intervento molto atteso il suo, nel corso del quale proveremo a comprendere perché il nostro pianeta è un organismo vivente con un suo metabolismo conoscibile e misurabile. Alle 16, sempre del sabato, Giorgio Vallortigara ci porterà alla scoperta della coscienza animale, sfatando il mito della superiorità umana, mentre alle 18 Guido Tonelli, grande divulgatore scientifico, ci inviterà ad un viaggio alla scoperta della materia. Chiude il sabato Stefano Mancuso assieme a Thijs Biersteker, ‘mago’ dell’arte immersiva, che proverà a farci condividere l’esperienza tangibile degli effetti del cambiamento climatico e la profondità dei mali che affliggono il pianeta.

 

Anche la domenica (8 ottobre) sarà decisamente intensa in San Francesco. Si parte alle 10 con Mons. Vincenzo Paglia che, assieme a Luigi Zoja proporrà una riflessione ‘parallela’ tra fragilità umana e fragilità del pianeta. Alle 12 George Mobiot, giornalista del Guardian e attivista di fama internazionale, illustrerà un vero e proprio progetto di rigenerazione incentrato su un nuova prospettiva per pensare al suolo. Con Dan Saladino (ore 16) si parlerà invece di alimenti a ‘rischio di estinzione’ e delle ragioni per cui dobbiamo impegnarci a salvaguardarli.

Chiusura del festival alle 19 tutta giocata tra scienza e musica con “Evoluto come un tan

I commenti

Ahò, sto Recalcà, a Lucca c'ha trovato l'America!

anonimo - 01/10/2023 01:33

Gli altri post della sezione

Lo dicono tutti

Arthur Schopenhauer aveva ...

Allerta Meteo

Dalle ore 18.00 di oggi, ...

Il Muro quando ?

Domanda ai più informati. ...