• 6 commenti
  • 01/09/2022 18:55

Moratoria dei Pubblici esercizi: se la si lascia scadere ci rimette tutta la città

La attuale moratoria che impedisce l’ apertura di nuovi locali pubblici scadrà fra pochi giorni. Questo significa che la “mangiatoia” sarà destinata ad ampliarsi e che ciò provocherà un aumento dell’inquinamento acustico ed antropico (peraltro in alcune zone già adesso fuori dei limiti come rilevato da Arpat), ci saranno ancora più tavoli e sedie sulla strada e quindi un ulteriore sottrazione di suolo pubblico per la collettività, si verificherà un aumento del traffico e quindi sarà necessario impiegare ancora più Vigili Urbani. Tutti effetti di una “deriva” che inevitabilmente produrrà ulteriore danni all’ immagine della città e alla sua vivibilità. Oltretutto il Centro Storico di Lucca è molto rinomato fra gli operatori delle altre città in considerazione del fatto che da noi ci si può prendere delle libertà che in altre città non sono consentite, come ad esempio il suolo pubblico che, non essendo segnato per terra, si può ampliare a dismisura, oppure come la libera somministrazione per asporto anche se in molti casi configura una evasione fiscale. Tutte circostanze queste che rendono il Centro Storico di Lucca ancora più appetibile per operatori con pochi scrupoli. Non ci è chiaro quale sarà l’intendimento di Codesta Giunta al proposito e siamo molto preoccupati per il fatto che questo argomento non sia stato ancora affrontato. I tempi sono ristretti perché dal 1 Ottobre la tutela della moratoria non ci sarà più e per questo motivo abbiamo espresso le nostre preoccupazioni al Sindaco e agli Assessori coinvolti nella problematica sollecitando una loro urgente attivazione. http://vivereilcentrostorico.blogspot.com

I commenti

Provi a capire il senso di quello che ho scritto. Non ho scritto che se un ristoratore paga per prendere il suolo pubblico poi ci puo' farci sopra quello che vuole.
Non mi riferisco ai ristoratori ma a chi da le autorizzazioni.
Ho detto che per un Comune non puo' applicare il principio che si puo' autorizzare tutto ( anche l'occupazione smodata di suolo pubblico), purche' si paghi.



Anonimo - 05/09/2022 19:13

Non interpreti come Le pare quel che scrivo. Il fatto che paghino non vuol dire che possano fare quel che gli pare. Il fatto che paghino vuol dire che il Comune, se affitta il suolo pubblico, incassa soldi. I comuni non navigano nell'oro e penso che in futuro ci navigheranno ancor meno, viste le prospettive di grave indebitamento connesse con l'attuale crisi. Per cui, fossi il Comune, gli incassi da suolo pubblico me li terrei ben stretti.

Anonimo - 03/09/2022 03:35

La questione suolo pubblico è molto importante ed impone una seria ed approfondita analisi .
Saper coniugare interesse privato con quello collettivo e trovare un equilibrio è sicuramente la prima missione di un amministratore , ma se da un lato è ormai necessario per un bar o un ristorante avere una proiezione esterna al proprio locale è altrettanto vero che non si può eccedere rilasciando concessioni troppo maggiori rispetto a quelle della superficie interna .
Infatti non va dimenticato che la tassa dei rifiuti è direttamente proporzionale alla grandezza del locale . . .quindi se dentro ci sono 2/4 tavoli e fuori 20 o 30 è evidente che questo parametro è stravolto .
Altro problema del suolo pubblico è quello delle tariffe , attualmente non esiste una diversificazione ne un listino suddiviso per aree geografiche , pertanto un barino di Santa Maria del Giudice o di Saltocchio paga quanto uno in Corso Garibaldi o Via Beccheria ....altra bestialità sigh.
Purtroppo le precedenti amministrazione non hanno voluto ne saputo mai affrontare questi problemi , ma è un bubbone che prima o poi scoppierà , l'invito al neo sindaco è di porre rimedio a questa situazione ...sono sicuro che avrà i mezzi e la volontà per poterlo fare ...
Grazie

Gino il contadino - 02/09/2022 12:54

E chi se ne importa. Tutta questa mangiatoia e' indecente e ogni giorno si deve fare lo slalom tra i tavoli.
Non e' che se pagano allora si puo' fare tutto, lasciamo pensare a Berlusca e similari che il mondo sia questo qui.

Anonimo - 02/09/2022 09:49

Ma cari Signori, i bar e ristoranti il suolo pubblico lo pagano con moneta sonante e il comune incassa. Vi sembra poco questo? Dove pensate che un comune possa prendere i soldi??

Anonimo - 02/09/2022 01:07

Ma non sarebbe il caso di farli rientrare tutti questi tavolini che hanno preso il posto delle auto parcheggiate ?
Tra l'altro mi domando l'ASL non ha niente da dire ?
Ci sono posti dove le macchine ti passano a 50 centimetri e l'aria e' inquinata, la gente ti passeggia sfiorando il tavolo con il suo sedere. Un tavolino messo lungo un muro e per strada dove nessuno spazza ed appoggiato ad un muro di un palazzo secondo me non e' igienico.
Forse come al solito qualcuno a cui e' stato dato un dito si e' preso tutto il braccio ed andrebbe fatto rientrare nei ranghi.

lucchese critico - 01/09/2022 19:26

Gli altri post della sezione

L'eredità di Tambellini

Ho trovato queste foto su ...

I tricicli di Bove

Non servono a nulla. Vende ...

10 anni senza idee

Alessandro visto che torni ...

NON SE NE POLE PIU’

Basta basta veramente ques ...

Marione 1 Alessandrino 0

Ha accesso più Alberi di ...