• 0 commenti
  • 04/10/2022 18:25

Mascherina FFp2. L'uso prolungato causa infezione grave Covid

Mascherina FFp2. L'uso prolungato causa infezione grave Covid e aumento CO2 Maria Luisa Astadi Da quasi tre anni, l’intera popolazione mondiale, è stata costretta ad indossare la mascherina, con il presupposto che protegga dalla trasmissione di SARS-CoV-2, tuttavia mancano ancora studi sui loro potenziali effetti collaterali. Uno studio italiano, condotto a Ferrara, ha mirato a valutare la concentrazione di anidride carbonica (CO2) nell'aria inalata, quando si indossano maschere. La maggior parte delle nazioni ha introdotto l'uso di maschere per il viso nella comunità per contrastare la pandemia di SARS-CoV-2.1,2 L'Italia, uno dei primi paesi a sperimentare un'ondata epidemica, ha richiesto che le maschere fossero indossate da tutte le persone di età superiore ai 5 anni, all'interno e all'esterno. Si presume che le maschere chirurgiche e i respiratori riducano la diffusione di SARS-CoV-2,2 e si ritiene che riducano l'incidenza di altre infezioni nell'aria. D'altra parte, un uso prolungato della maschera è stato associato a cariche virali più elevate e più gravi sintomi nelle persone infette (probabilmente a causa della reinalazione delle particelle virali intrappolate nella maschera), con disturbi della pelle dovuti alla contaminazione da agenti patogeni, una maggiore probabilità di tosse frequente, produzione di espettorato, dispnea e attacchi di panico, con sviluppo cognitivo ritardato nei bambini e con un aumento sostanziale dell'anidride carbonica (CO2) inalata, che a sua volta può causare altri sintomi. Lo studio ferrarese Per l'indagine è stato utilizzato un capnografo professionale in tempo reale, con tubi per la rimozione dell'acqua, al fine di valutare la concentrazione di CO2 nell'aria inalata in un campione di individui sani che indossavano diversi tipi di mascherine. E’ stata misurata la CO2 di fine espirazione in 146 volontari sani di età compresa tra 10 e 90?anni della popolazione di Ferrara (per 5 minuti ciascuno da seduti dopo 10 minuti di riposo): senza mascherina con mascherina chirurgica con mascherina FFP2. Con le mascherine chirurgiche, la concentrazione media di CO2 era 7091?±?2491?ppm nei bambini, 4835?±?869 negli adulti e 4379?±?978 negli anziani. Con i respiratori FFP2, questa concentrazione era 13.665?±?3655 nei bambini, 8502?±?1859 negli adulti e 9027?±?1882 negli anziani. La percentuale che mostrava una concentrazione di CO2 superiore alla soglia accettabile di 5000 ppm (media di 8 ore) per i lavoratori era del 41,1% con mascherine chirurgiche e del 99,3% con respiratori FFP2. Regolando per età, sesso, BMI e fumo, la concentrazione di CO2 nell'aria inalata è aumentata significativamente con l'aumento della frequenza respiratoria (media 10.837?±3712 ppm tra i partecipanti ?18 respiri/minuto, con respiratori FFP2 e tra i minori). Mascherine e concentrazione di anidride carbonica, alcuni suggerimenti degli esperti Gli autori, pur riconoscendo alcuni limiti dello studio, quali la dimensione scarsa del campione, riportano varie riflessioni nella parte dedicata alla discussione. Date le recenti evidenze che indicano che, in ambienti affollati, due ricambi d'aria all'ora possono ridurre l'accumulo di aerosol in modo più efficiente rispetto alle mascherine più performanti, la scelta di una maggiore ventilazione rispetto all'uso della mascherina potrebbe essere presa in considerazione quando consentito dalle condizioni ambientali ed epidemiologiche, soprattutto per i minori. La differenza osservata nella CO2 dell'aria inalata in base ai tipi di maschera suggerisce che, in presenza di mascherine obbligatorie e quando l'uso è prolungato e/o è richiesta l'attività fisica, le mascherine chirurgichedovrebbero essere utilizzate al posto dei respiratori FFP2, poiché riducono i possibili effetti negativi di elevate concentrazioni di CO2. Ulteriori suggerimenti, sia per il pubblico in generale che per le persone il cui lavoro richiede l'uso prolungato delle mascherine, possono includere: ridurre lo sforzo fisico, fare delle pause per rimuovere le mascherine e ridurre l'accumulo di CO2, mantenere l’idratazione (poiché la disidratazione peggiora i sintomi a causa dell'elevata concentrazione di CO2) e possibilmente utilizzare respiratori con purificazione dell'aria (powered air-purifying respirators), che sono stati descritti come più confortevoli dei respiratori FFP2. da: Acuti Martellucci C, Flacco ME, Martellucci M, Violante FS, Manzoli L. Inhaled CO2 Concentration While Wearing Face Masks: A Pilot Study Using Capnography. Environmental Health Insights. 2022;16.

Gli altri post della sezione

Non vi lasceremo sole

Non vi lasceremo sole Tam ...