• 2 commenti
  • 12/10/2022 18:15

SISTEMA TANGENZIALE

Avete per caso notato anche voi che nessuno dei candidati al parlamento ha parlato di Assi Viari? e nessuno degli assessori ne parla..............si ricorda forse Pardini che aveva detto STOP TIR SULLA CIRCONVALLAZIONE!!!!!! o forse deve pagar pegno alla povera Lega o al Barsanti.....caro Pardini ti ho votato con la paura che non ti saresti imposto e per ora ti vedo in giro per gattili manifestazioni e raduni....mi aspetto che non tu it appiattisca con L'onnipresente Barsanti e tu abbia le palle per cambiare la città

I commenti

L'occasione per risolvere il problema della viabilità c'è stata ad inizio degli anni 2.000 quando l'allora Senatore Pera poi Presidente riuscì ad ottenere un finanziamento già effettivo al CIPE ( comitato interministeriale per la Programmazione Economica ) di ben 700 milioni di Euro .
Era il famigerato o benedetto lotto zero a seconda dei punti di vista , ovvero l'asse suburbano che ad Ovest avrebbe collegato l'uscita dell'autostrada sino quasi a Valdottavo e Marlia zona Ponte Dalla Chiesa .
Purtroppo tutti sappiamo come è andata a finire , da prima una levata di scudi dell' allora consigliere comune Tambellini che insieme ai suoi colleghi insegnanti e qualche alunno tappezzarano tutte le campagne con volantini e slogan gridando allo scandalo ecologico .
Al di là delle allegre scampagnate della sinistra Lucchese tra caciotte e fette di salame , il motivo dell'insabbiamento del progetto va ricercato altrove .
In primo luogo vi fu un vero e proprio fuoco ???? amico , alcuni consiglieri regionali in quota a Forza Italia e Alleanza Nazionali tramarono come nella migliore della tradizione consociativa con gli esponenti della Regione Toscana a guida Ulivo , ma soprattutto il popolo Lucchese non comprese l'importanza , ma soprattutto la necessità di quell'opera .
Eppure il comune era proprio guidato da una giunta di cdx che però non si spese mai a favore del nuovo asse .
Forse anche le antiche lobby Fiorentine e i loro innumerevoli gangli lavorano a sfavore , perché la nuova strada poteva essere l'embrione della Lucca Modena ( una delle opere più necessarie per tutto il paese ) , quindi addio all' egemonia della città di Dante .....e di tutte le altre tendenze Fiorentinocentriche ....
Si pensi solo ai benefici per tutta la costa in primis Livorno il cui porto sarebbe diventato forse il più importante dell'Italia .
Ma arriviamo ai giorni nostri , ormai sono evidenti i danni diretti ed indiretti del traffico della nostra ormai vetusta Circonvallazione ( degli anni 20 del Novecento ) .
Troppe le persone che si sono ammalate e si stanno ammalando ai polmoni e non solo , non voglio puntare il dito contro nessuno i giudizi li lascio ad altri , ma voglio solo dire che è tempo di agire NON POSSIAMO PIÙ PERMETTERCI DI ASPETTARE , ALMENO IL TRAFFICO PESANTE DEVE ESSERE ALLONTANATO DALLE. MURA .

Gino il contadino - 13/10/2022 15:04

Nella forma moderna (lasciamo perdere la forma antica degli assi suburbani) si parla di Grande Viabilità di Lucca più o meno dal 1987. Da quel momento ad oggi sono passati 35 anni. Chi era in fasce è uomo o donna fatta. La Repubblica di Lucca cominciò a fare le Mura nel 1513. Cosa era compiuto 35 anni dopo, ovvero nel 1548? Ben poco in verità, infatti per vedere fatto il primo baluardo, quello di S. Maria, si dovette attendere il 1557, ovvero quasi 45 anni! Per cui siamo in linea con i tempi lucchesi. La Repubblica però era animata dalla incrollabile volontà di dotarsi di mura moderne ed efficaci. I lucchesi di oggi sono animati dalla incrollabile volontà di fare la tangenziale? Oppure lasciar perdere è in fondo un modo perfetto per evitare le grane? Ai posteri l'ardua sentenza. In ogni caso si può sempre sperare che per fare questa viabilità non servano più di 150 anni.

Anonimo - 13/10/2022 00:50

Gli altri post della sezione

Giornata della memoria.

L’assemblea degli iscrit ...